Coronavirus in Toscana: 6 morti (età media 81 anni), oggi 11 ottobre. E 162 contagi

FIRENZE – Sono 6 i morti per coronavirus, in Toscana, oggi 11 ottobre 2021. Si tratta diu 5 uomini e una donna con età media di 81 anni, che risiedevanoa Firenze (2), Arezzo, Livorno, Lucca, Pisa. Mentere i nuovi contagiati sono 162 (157 confermati con tampone molecolare e 5 da test rapido antigenico) con età media di 42 anni (31% ha meno di 20 anni, 14% tra 20 e 39 anni, 27% tra 40 e 59 anni, 19% tra 60 e 79 anni, 9% ha 80 anni o più). Salgono a 284.620 i casi registrati in totale da inizio pandemia. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 271.668 (95,4% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 5.075 tamponi molecolari e 2.670 tamponi antigenici rapidi, di questi il 2,1% è risultato positivo. Sono invece 3.612 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 4,5% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 5.740, -1,7% rispetto a ieri. I ricoverati sono 245 (4 in più rispetto a ieri), di cui 25 in terapia intensiva (stabili).

Come detto, si registrano 6 nuovi decessi: 5 uomini e una donna con un’età media di 81,3 anni (2 a Firenze, 1 a Lucca, 1 a Pisa, 1 a Livorno, 1 a Arezzo). Sono 7.212 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 2.323 a Firenze, 641 a Prato, 661 a Pistoia, 534 a Massa Carrara, 691 a Lucca, 726 a Pisa, 425 a Livorno, 559 ad Arezzo, 350 a Siena, 209 a Grosseto, 93 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 196,6 x100.000 residenti contro il 221,6 per 100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (281,3 per 100.000), Prato (250,3) e Firenze (235,6), il più basso a Grosseto (95,6).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (157 confermati con tampone molecolare e 5 da test rapido antigenico). Sono 79.054 i casi complessivi ad oggi a Firenze (47 in più rispetto a ieri), 26.385 a Prato (10 in più), 26.940 a Pistoia (20 in più), 14.866 a Massa Carrara (6 in più), 28.972 a Lucca (11 in più), 33.346 a Pisa (10 in più), 21.152 a Livorno (22 in più), 25.786 ad Arezzo (10 in più), 16.426 a Siena (22 in più), 11.138 a Grosseto (4 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 79 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 47 nella Nord Ovest, 36 nella Sud est.

La Toscana si trova al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 7.759 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 7.932, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 10.305casi, Pistoia con 9.263, Firenze con 8.018, la più bassa Grosseto con 5.097.

Complessivamente, 5.495 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (106 in meno rispetto a ieri, meno 1,9%).

Sono 12.671 (245 in meno rispetto a ieri, meno 1,9%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 4.561, Nord Ovest 5.706, Sud Est 2.404).

Le persone ricoverate oggi sono complessivamente 245 (4 in più rispetto a ieri, più 1,7%), 25 in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri).

Le persone complessivamente guarite sono 271.668 (258 in più rispetto a ieri, più 0,1%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 271.668 (258 in più rispetto a ieri, più 0,1%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

162 nuovi contagi, 6 decessi, coronavirus in Toscana, guarigioni, regione, vaccinazioni


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080