Reddito cittadinanza: navigator, non verrà rinnovato il contratto a 2.500 persone. Protesta dei sindacati


ANSA / CIRO FUSCO

ROMA – Addio a 2.500 navigator. Uno dei vanti grillini e di Di Maio aboliti dal Governo Draghi per la limitata utilità dimostrata. Ma i sindacati protestano, vogliono conservare posti di lavoro inutili. Il contratto dei lavoratori nati con il reddito di cittadinanza, prorogato dal dl Sostegni, scade a fine anno e la legge di bilancio non ne prevede il rinnovo.
La bozza prevede invece che le Agenzie per il lavoro iscritte all’Albo e autorizzate dall’Anpal possano «svolgere attività di mediazione tra domanda e offerta di lavoro per i beneficiari di Rdc». Il loro ruolo si affianca a quello dei centri per l’impiego ed è volto ad agevolare l’occupazione dei percettori di Rdc, esplicita lo bozza che le include negli incentivi. Per ogni assunto è riconosciuto il 20% dell’incentivo previsto per il datore di lavoro.

E’ un «grave errore non prorogare i contratti ai Navigator nella manovra. Professionisti, selezionati e formati, che hanno reso un enorme contributo all’intero sistema delle politiche attive nazionali, oltre che sulle attività specifiche legate al Reddito di cittadinanza». Lo sostengono i sindacati Nidil-Cgil, Felsa-Cisl e Uiltemp, facendo sapere «che il 18 novembre saranno in piazza a Roma con i Navigator e chiederanno a tutte le forze politiche di rivedere questa scelta sbagliata, affinché venga trovata una soluzione per dar loro continuità inserendoli nelle attività previste dal Pnrr».

2.500, aboliti, navigator


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080