Covid-19: Associazione funzionari prefettizi, straordinario impegno per controlli disposizioni governo

ROMA – L’Associazione dei funzionari prefettizi scende in campo per sottolineare il grande impegno dei colleghi e per denunciare carenze di organico ormai insostenibili, sottolineando nel contempo l’inopportuna presa di posizione di qualche esponente del governo,

«Per certi versi sorprendente la formulazione dell’art. 7 del d.l. in argomento, in tema di controlli diretti ad assicurare il puntuale rispetto delle nuove disposizioni. I tempi dettati, in termini di cronoprogramma, con riguardo alle iniziative che andranno assunte sul territorio da prefetti e forze di polizia, statali e locali, appaiono infatti più confacenti a una specifica direttiva della Autorità nazionale di pubblica sicurezza, dunque del Ministro dell’Interno, di declinazione in concreto di disposizioni e indirizzi».

E’ quanto si legge in una nota dell’Associazione Prefettizi. «Si è convinti che tale circostanza sia riconducibile a esigenze straordinarie di massima immediatezza piuttosto che, stando almeno a indiscrezioni riportate dagli organi di informazione – prosegue la nota – a una qualche insoddisfazione, che sarebbe emersa in Consiglio dei Ministri, per come finora le attività di controllo sarebbero state invece effettuate. Una diversa lettura risulterebbe altrimenti assai ingenerosa e francamente mortificatrice del costante, straordinario impegno, anche in questa interminabile, difficilissima congiuntura, profuso senza riserve da prefetti e forze di polizia per essere e dimostrarsi – pur tra innumerevoli difficoltà evidenziate dalle preoccupanti, insufficienti disponibilità di risorse di personale – all’altezza delle attese e dei compiti loro assegnati». Concordiamo perfettamente con le dichiarazioni dell’Associazione, in relazione soprattutto ai nervosismi manifestati in seno al Consiglio dei ministri dal premier Draghi e da qualche altro collega, che evidentemente temono che la situazione delicata gli possa sfuggire di mano. E naturalmente, per risolvere la situazione, ricorrono a prefetti e Forze dell’ordine, che come al solito debbono tirare fuori le castagne dal fuoco alla politica inconcludente e incapace.

funzionari, impegno, prefettizi


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080