Molestia in tv a Greta Beccaglia: il tifoso 45enne chiede scusa. «Vorrei incontrarla». Lei ribatte: «Voglio giustizia»

FIRENZE – Si chiama Andrea Serrani, ha 45 anni, è tifoso della Fiorentina ma fa il ristoratore a Chiaravalle, in provincia di Ancora. Ha una figlia e una compagna. Individuato dalle forze dell’ordine,  stato lui, sabato 27 novembre, a Empoli, a molestare Greta Beccaglia, mentre era impegnata in una diretta Tv. Ora Andrea, rintracciato e denunciato, vorrebbe incontrarla. Ecco le sue parole, a La Zanzara, su Radio 24: «Non volevo parlare con nessuno, solo andare alla macchina, ho sbagliato e chiedo scusa: voglio incontrarla, quando sarà possibile, quando lei vorrà». L’uomo ha aggiunto: «Ho chiesto scusa e ci mancherebbe». Ma lei, Greta, respinge le scuse e ribatte: «Le scuse non bastano, la giustizia farà il suo corso».

Il tifoso, parlando con Radio 24, ha negato di aver sputato su una mano prima di molestare Beccaglia: «Stavo tossendo – ha precisato – A casa mi hanno detto ‘come ti è venuto in mente’, me l’ha detto anche la mia compagna. Mi conoscono, sanno che non sono una persona cattiva, stiamo passando tutti i dispiaceri possibili del mondo. Non sto bene, guarda dove è finita sta cosa per uno sbaglio… uno lavora una vita, crea una vita, e guarda per una cosa così…».

Intanto Toscana Tv ha emesso un nuovo comunicato, annunciando una paura si riflessione per il conduttore, Giorgio Micheletti. Ecco il testo: «Conferma il proprio sostegno e la propria solidarietà a Greta Beccaglia. L’aspettiamo nei nostri studi quanto prima nel solco della positiva collaborazione svolta fino ad oggi. Quello che è accaduto è una molestia. Una cosa inaccettabile. Se Greta vorrà, saremo al suo fianco nella denuncia sporta e speriamo che quanto accaduto possa aiutare noi, il mondo dell’informazione e nella fattispecie il mondo del calcio parlato, a costruire un discorso pubblico più rispettoso».

Inoltre, sempre Toscana Tv, riferisce che «abbiamo condiviso con il giornalista Giorgio Micheletti di concedergli l’opportunità di un momento di riflessione e di pausa professionale nella conduzione del format ‘A Tutto Gol’, al fine di chiarire lo svolgimento dei fatti riservandoci di valutare eventuali provvedimenti disciplinari».

«Andrea Serrani è molto dispiaciuto, non dorme da due notti e la prima cosa che mi ha chiesto è di mettermi in contatto con la giornalista». A dirlo è l’avv. Roberto Sabbatini, legale del 45enne di Chiaravalle, tifoso viola, accusato di avere molestato la giornalista Greta Beccaglia durante un collegamento fuori dallo stadio dopo la partita Empoli-Fiorentina. «E’ la prima cosa che ho fatto subito dopo avere ricevuto il mandato – spiega -, ieri sera intorno alle 21 ho inviato una mail alla dott. Beccaglia e ho cercato di contattarla anche tramite Toscana Tv, ma finora non ho avuto risposta. Proverò a ricontattarla».

Secondo il legale, Serrani vuole chiedere scusa a Beccaglia di persona, perché pensa di essere stato rappresentato come non sente di essere. «Il gesto che ha fatto è su tutte le Tv e i social, l’abbiamo visto tutti – prosegue il legale -, ma per come conosco Serrani è stato sempre rispettoso delle donne, è un imprenditore, un padre di famiglia. Mi ha detto che nelle sue intenzioni non voleva essere un approccio o un’allusione sessuale e neanche un’offesa. Sono errori che si fanno». Per lui si parla ora di un Daspo in arrivo e dell’ipotesi di reato di violenza sessuale, ma finora non c’è stato nessun atto ufficiale.

 

 

Andrea Serrani, Giorgio Micheletti, Greta Beccaglia, scuse, tifoso


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080