Firenze, Sollicciano: sei agenti di custodia al pronto soccorso per due aggressioni. Protesta l’Osapp

Il carcere fiorentino di Sollicciano
Il carcere fiorentino di Sollicciano
Il carcere fiorentino di Sollicciano

FIRENZE – Due aggressioni, ieri 7 dicembre 2021, agli agenti di custodia del carcere fiorentino di Sollicciano. Sei agenti, nel giro di due ore, hanno dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso. Lo rende noto Giuseppe Proietti Consalvi, vicesegretario generale Osapp (organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria). Il primo episodio, spiega Consalvi in una nota, «riguarda due detenuti di origine magrebina che, a seguito di una normale perquisizione della loro cella si sono scagliati contro gli agenti. Gli altri detenuti, dopo lo spostamento in un’altra sezione, hanno inscenato una protesta e incendiato una camera detentiva. Per questo quattro agenti hanno dovuto recarsi al pronto soccorso per un probabile intossicamento. Qualche ora più tardi – aggiunge -, un altro detenuto sempre di origine magrebina, al momento del rientro in cella, senza alcuna motivazione, ha sferrato dei pugni al personale presente, refertato successivamente dal pronto soccorso, riportando tre giorni di prognosi».

Per Consalvi la situazione è insostenibile nell’Istituto fiorentino, dove quasi quotidianamente il personale di polizia penitenziaria, subisce aggressioni da parte dei detenuti e delle detenute. «Auspichiamo – conclude l’esponente Osapp – che sia ripristinato l’ordine e la sicurezza nell’istituto e che i detenuti autori delle aggressioni siano puniti in via disciplinare e trasferiti».

agenti aggrediti, Osapp, Sollicciano


Ernesto Giusti


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080