Bollette energia: rincari del 13,3% per le Pmi nel 2021. Aumentano anche acqua e raccolta rifiuti

ROMA – Le PMI hanno subito già nel 2021 le conseguenze negative del rincaro delle bollette energetiche, con un rincaro del 13,3% rispetto a quanto avevano pagato nel 2020. All’aggravio hanno contribuito anche l’elevato livello delle bollette per acqua e rifiuti. È questo il bilancio che si ricava dall’analisi realizzata da Unioncamere-Bmti sull’evoluzione delle tariffe pagate nell’ultimo anno dalle piccole e medie imprese italiane per i principali servizi pubblici.

I più penalizzati sono stati i negozi di beni non alimentari, per i quali la spesa è aumentata del +20,3%. Meno pronunciati i rialzi per i negozi ortofrutticoli (+8,7%). Gli incrementi di spesa dipendono prevalentemente dall’andamento del costo della fornitura di energia elettrica e gas naturale, aumentati rispettivamente del +15,3% e +22,2% in dodici mesi.

Più contenuti, invece, gli adeguamenti delle tariffe per il servizio idrico (+3,5%) e per il servizio di raccolta rifiuti nei capoluoghi di regione (+2,4%), a seguito del recepimento del nuovo metodo tariffario rifiuti.

 

bollette, energia, rincaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080