Alessandro Benetton nuovo presidente di Edizione: «Ponte Morandi peserà sempre sulla mia famiglia, ma vedo discontinuità»

Alessandro Benetton
ANSA/LUCA ZENNARO

MILANO – Figlio di Luciano Benetton, Alessandro, 55 anni, è il nuovo presidente di Edizione, la holding che da anni amministra un patrimonio di oltre 11 miliardi di euro.
La seconda generazione dell’impero di Ponzano Veneto nato intorno ai maglioncini cambia anche lo statuto e la forma sociale della sua cassaforte, che da Srl si trasforma in una Spa. Alessandro Benetton, si racconta lui stesso su Youtube.

Rivela che ha sempre voluto fare di testa sua, ha deciso di prendere la sua strada di imprenditore, fuori da quella già tracciata dal padre Luciano, ha provato a fare il presidente della Benetton Sportsystem ma dopo un anno e mezzo si è chiamato fuori, la visione era troppo diversa. Ora invece ha accettato la sfida: «Ho visto un’occasione di discontinuità per reinterpretare l’approccio industriale che ci ha caratterizzato come famiglia nel tempo; quando mi è stata presentata l’occasione di poter avere un peso reale nelle decisioni del gruppo ho scelto di compierla, non voglio stare in panchina, voglio lanciarmi in questa nuova sfida portandomi dietro tutto quello che ho imparato in trent’anni di lavoro».

In #uncaffèconalessandro, l’appuntamento che ogni giovedì il manager ha con i suoi 22.900 iscritti al canale Youtube, spiega le ragioni del suo impegno e la sua visione. «Ovviamente non sarò solo, lo farò insieme ai miei cugini e a manager qualificati, punteremo sui giovani e sul lavoro di squadra, su innovazione e sostenibilità: anche solo questo video è segno di un primo cambiamento».

Anche se non è da oggi che Alessandro Benetton comunica usando Youtube, il suo canale è aperto da 2 anni. «Perché un imprenditore di 55 anni si mette a fare i video su youtube? Per testardaggine – si autorisponde – e così come a 28 anni ho scelto di fare l’imprenditore per i fatti miei; il secondo punto è il contatto diretto – prosegue – e lo share value; il terzo punto è quello di rimanere aggiornato con i cambiamenti, accettare la sfida del futuro. E quella davanti è la sfida più grande della mia vita».

Sa bene quanto pesi il suo cognome, «che in questo periodo a tanti non piace – dice a viso aperto – Sono stati fatti degli errori, alcuni molto gravi e non sto parlando del ponte Morandi, quella è una tragica conseguenza che peserà per sempre, gli errori sono stati fatti prima: quando si è scelto di dare troppe deleghe alle persone sbagliate». Ora però inizia un nuovo capitolo e Alessandro Benetton dà appuntamento alle prossime tappe della sua avventura con una citazione tratta dal fumetto in cui fa la prima apparizione il personaggio di Spider-man: «Da grandi poteri derivano grandi responsabilità ed è esattamente come mi sento adesso».

Alessandro Benetton, Edizione, Ponte Morandi


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080