Skip to main content

Covid: stretta no pass entro fine mese. Le attività permesse. Nuove regole per i ricoveri

ROMA – Il provvedimento – sotto forma di Dpcm – ariverà in vista del prossimo Consiglio dei ministri e servirà a chiarire quanto contenuto nell’ultimo decreto anti-Covid, secondo cui il lasciapassare base sarà necessario dal primo febbraio anche in uffici pubblici, servizi postali, banche e attività commerciali, ad esclusione dei servizi necessari per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona. Perchè dal prossimo mese, come accennato, si entra con il certificato verde, base o rafforzato, ovunque eccetto che in supermercati, alimentari, ospedali e farmacie. E al momento resta un punto interrogativo sui negozi di intimo, edicole e tabaccai

PARRUCCHIERI – Rimangono però dei punti su cui trovare una quadra: sarà sicuramente possibile andare dal medico, dal veterinario, andare a denunciare un reato, entrare in tribunale per testimoniare o accedere a determinate attività per esigenze urgenti di tutela dei minori, ma il dibattito è ancora aperto su altri luoghi da includere nella lista. La bozza messa a punto dal ministero della Pubblica amministrazione prevederebbe un numero limitato di eccezioni, guidate dal criterio dell’urgenza, ma il ministero dello Sviluppo Economico starebbe spingendo per una lista più ampia che includa anche tabaccai, edicole, librerie, negozi di giocattoli. Dal 20 gennaio invece – questo è già stabilito dall’ultimo decreto – barbieri, parrucchieri ed estetisti dovranno già chiedere il certificato verde base, quello ottenibile anche con un tampone, ai propri clienti.

RICOVERI – Resta sul tavolo, nonostante lo stop momentaneo del ministero della Salute, anche la questione della modifica del conteggio dei ricoveri Covid invocata da più parti, in primis dai governatori. A questo fronte si è aggiunto nelle ultime ore anche il sottosegretario Pierpaolo Sileri, il quale si dice “d’accordo sulla necessità della revisione, che potrà essere fatta nei prossimi giorni, forse entro un paio di settimane, con una distinzione tra coloro che sono positivi al virus ed i malati. La comunicazione dei dati deve essere aggiornata e – sottolinea – la nuova fase dell’epidemia deve portarci entro breve a rivedere le regole soprattutto per la gestione degli ospedali”. In effetti, secondo l’Oms, il Paese si sta avvicinando moltissimo al picco di Omicron. Il direttore europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Hans Kluge, loda anche la strategia del governo italiano e del ministro Speranza contro la pandemia: stanno seguendo la strada giusta – dice – con vaccinazioni, booster e mascherine.

OMICRON – Proprio sulla scia di uno degli ultimi provvedimenti dell’Esecutivo riprendono quota le prime dosi: ieri ne sono state effettuate quasi 92mila, il dato più alto dall’inizio della quarta ondata. E da quando, lo scorso 7 gennaio, è stato annunciato l’obbligo di vaccino per gli over 50 e del super pass per lavorare , sono state fatte in Italia quasi 685mila prime dosi. Prima del record stabilito ieri con quasi 92mila somministrazioni, il giorno con più vaccinazioni è stato l’8 gennaio, quando il decreto è stato pubblicato in gazzetta: poco più di 82mila prime dosi in 24 ore. Numeri che puntano ad alzare oltre il 90% la percentuale degli immunizzati, per correre ai ripari contro un virus mutato e sempre più rapido. Omicron raggiungerà tutti, dicono i virologi. Dovremo correre ai ripari.


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze PostScrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741