Vaccino obbligatorio in Austria: è il primo paese Ue a deciderlo. No vax: multe ma niente arresto

Vienna

Vienna ha rotto gli indugi: l’Austria è la prima Nazione dell’Unione Europea ad aver approvato l’obbligo del vaccino contro il Covid-19: interessera’ tutte le persone sopra i 18 anni che risiedono nei nove Laender (regioni). Paese cuscinetto tra Germania e Italia, dove vivono nove milioni di persone, l’Austria è stata particolarmente decisa sin dall’inizio della pandemia di Covid-19 ad arginare i contagi tanto da allestire ben quattro lockdown in meno di due anni.

L’obbligo vaccinale scatterà da febbraio. Resta da definire se l’obbligo scatterà dal primo giorno del prossimo mese, oppure dal 4, ma questa è una pura questione tecnica. Il Parlamento austriaco, al termine di un lungo ed animato dibattito, ha approvato con 137 voti favorevoli e 33 contrari la vaccinazione obbligatoria. Tredici i parlamentari, tra essi anche dei due partiti di governo di OeVP (Popolari) e Verdi, non hanno votato perchè malati o astenuti per protesta. La bozza prevede la vaccinazione obbligatoria per persone di eta’ superiore ai 18 anni con residenza principale o secondaria in Austria.

In una prima fase, fino a meta’ marzo, non ci saranno sanzioni: successivamente la multa potrebbe arrivare fino a 3600 euro. E’ stata esclusa la reclusione. Non sono obbligati alla vaccinazione le donne in gravidanza, tutti coloro che non possono essere vaccinati per motivi medici e le persone guarite ma non oltre i sei mesi dalla guarigione. Il dibattito sul controverso provvedimento e’ stato particolarmente acceso. Il primo a prendere la parola e’ stato il leader della FPOe (partito di destra), Herbert Kickl che ha apertamente protestato contro l’obbligo dicendosi inorridito, sbalordito, scosso e scioccato.

Successivamente il ministro della Salute, Wolfgang Mueckstein (Verdi) ha cercato di dissipare i dubbi assicurando che “il vaccino contro il Covid-19 e’ sicuro; e serve un alto tasso di vaccinazione per contenere il virus”. La presidente della SPOe (socialdemocratici), Pamela Rendi-Wagner ha sottolineato che “la vaccinazione obbligatoria contro il coronavirus, che nessuno di noi voleva, si e’ purtroppo resa necessaria”. Nel frattempo i ministeri della Salute e dell’Interno, dopo il caos dei dati di ieri, non hanno comunicato l’aggiornamento giornaliero del contagio. Attualmente in Austria le persone positive al covid sono 161.372 (1.503.668 i contagiati da inizio pandemia). In totale, 13.956 le vittime, 1.062 gli attuali pazienti covid ricoverati nei normali reparti e 193 in terapia intensiva.

Austria, multe, no reclusione, no vax, obbligo vaccino


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080