Zelensky chiede incontro con Putin, che vuole testo scritto su cui discutere

La combo mostra il presidente russo Vladimir Putin (S) e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. ANSA

KIEV – In un video messaggio postato su Facebook, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto colloqui di pace e sicurezza con Mosca, che chiede un testo su cui discutere come condizione essenziale per un vertice con Putin. Un incontro, per il presidente ucraino, “è l’unica possibilità per la Russia di ridurre i danni causati dai propri errori”, sulla scia della sua invasione. “È tempo di incontrarsi, è tempo di parlare, è tempo di ripristinare l’integrità territoriale e la giustizia per l’Ucraina. Altrimenti, le perdite della Russia saranno tali che il Paese impiegherà diverse generazioni per riprendersi”, ha aggiunto. “Abbiamo sempre insistito sui negoziati”, ha detto il presidente ucraino, “abbiamo sempre proposto dialogo e soluzioni per la pace. Non solo durante i 23 giorni di invasione”. Per il capo negoziatore russo, Vladimir Medinsky, le delegazioni dei due Paesi devono preparare e concordare il testo di un trattato. Successivamente, il testo dovrebbe essere siglato dai ministri degli Esteri e approvato dai governi. “Soltanto dopo – conclude Medinsky – si potrà discutere la possibilità di un vertice”.

La richiesta di Zelensky, mirata a far cessare le ostilità e le sofferenze per il suo popolo, era stata anticipata da una dichiarazioni positiva del capo del suo ufficio: “Posso confermare che i negoziati continuano, in videoconferenza, e si svolgono più volte al giorno. Ci sono tante informazioni che arrivano, e sembra che ci sia comunque un po’ di confusione in proposito. Io non ho sentito parlare di due settimane per giungere ad un accordo, ma posso dire che ci sono dei termini concreti e che questi negoziati giungeranno ad una conclusione. Penso sia necessario che si arrivi ad un incontro tra il presidente Zelensky ed il presidente Putin”. Lo aveva detto a Buongiorno, su Sky TG24, Andriy Yermak, capo dell’ufficio del presidente Zelensky. “Posso dire che la delegazione ucraina, il popolo ucraino – ha aggiunto – è pronto a discutere qualunque questione problematica, ma per noi la priorità è fermare il conflitto. Vogliamo che le truppe russe si ritirino dal nostro territorio, e non accetteremo mai nessun compresso perché ciò corrisponderebbe alla cessazione della nostra indipendenza, sovranità e integrità territoriale. Per noi – ha concluso Yermak – è molto importante mostrare che la Nazione ucraina non si arrenderà mai, e che non darà a nessuno l’opportunità di prendere il nostro territorio, di prendere la nostra libertà, perché questa è nel nostro sangue”.

incontro, putin, vertice, Zelensky


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080