Scandicci, commerciante ucciso: fiori e conchiglie in piazza Piave. In carcere un impresario edile albanese

Piazza Piave, a Scandicci, teatro dell’accoltellamento alle 2 di notte di domenica 27 marzo (Foto ANSA)

FIRENZE – E’ in carcere l’impresario edile albanese Irir Leba, 48 anni, arrestato per la morte di Tommaso Dini, 50 anni, il commerciante di Scandicci morto in ospedale, domenica 28 marzo, dopo essere stato accoltellato, durante la notte, in piazza Piave.

Intanto un mazzo di fiori, in un vaso di vetro, con corredo di conchiglie, è comparso stamani sul marciapiede della piazza Piave, sul luogo dell’accoltellamento. Per l’omicidio, come detto, è in carcere l’impresario edile albanese. I fiori sono accanto a numerose macchie di sangue visibili ancora sull’asfalto.

Secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri, tra il Dini e il Leba c’è stata una lite, culminata nell’accoltellamento. Numerosi i fendenti che hanno raggiunto Dini, al torace e a una gamba. Sarà l’autopsia a stabilire gli aspetti medico legali. I due si conoscevano da prima e non viene escluso che ci siano stati screzi per questioni di soldi. Le indagini dei carabinieri proseguono.

In piazza Piave c’è l’unico ritrovo notturno di Scandicci, un kebab che rimane aperto fino a notte inoltrata. Qui italiani e stranieri fanno punto di ritrovo, parte dei quali specie, si apprende dai residenti, dopo aver frequentato fino alla chiusura una sala scommesse che c’è nelle vicinanze. Quando c’è stata l’aggressione dormivano tutti nelle case, alcuni sono stati svegliati dalle sirene dei mezzi di soccorso “ma pensavamo che ci fosse stata una delle risse che succedono qua o forse qualcuno ubriaco, accade in questa piazza”.

La strada è commerciale e c’è pure un’agenzia immobiliare accanto al kebab e davanti al punto dell’accoltellamento, ma non è quella di Tommaso Dini il quale “ne aveva una qui accanto sette anni fa”, tiene a precisare la titolare. Secondo quanto emerso, Dini ha fatto l’agente immobiliare fino a pochi mesi fa, quando ha deciso di investire in una vendita di pane, focacce e pizza, in centro a Firenze, in via Bufalini vicino all’ospedale di Santa Maria Nuova, a breve distanza dal Duomo.

carabinieri, indagini, Irir Leba, scandicci, Tommaso Dini


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080