Trasporti, Stella (Fi) attacca Autolinee Toscane: “Vuole tagliare 4 milioni di km. di linee. Emarginate Massa Carrara e Grosseto”

Autolinee Toscane

FIRENZE – “L’inaugurazione di sette nuovi bus di Autolinee Toscane, il nuovo gestore del trasporto pubblico locale, stride terribilmente con la realtà che il servizio e soprattutto gli utenti si troveranno, di qui a poco, ad affrontare. Da giugno At ha in programma la riduzione di 4 milioni di chilometri di percorrenza dei suoi mezzi, che riguarderanno le province di Massa Carrara e Grosseto. Ciò dipende dal fatto che Regione Toscana ha previsto di coprire i 2,5 milioni di chilometri solo per la metà: dei restanti 1,250 milioni saranno appaltati, come lotto debole, circa 840mila chilometri e gli altri 370mila saranno tagliati, quasi tutti in Lunigiana”.

Lo afferma il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella. Che continua: “I francesi di At, che saranno assistenti tecnici della Provincia nella gara del lotto debole, non danno garanzie sulla loro partecipazione – sottolinea Stella in una nota – e si riservano di valutare se di interesse della società. Le zone periferiche e marginali della Lunigiana saranno oggetto di un taglio lineare, a danno, come sempre, di anziani e persone fragili, ma non solo”.

Secondo Stella, “la miopia di queste misure rischia non solo di privare di ulteriori diritti chi già ne ha pochi, ma anche di vanificare gli sforzi di chi ha investito in Lunigiana. La Regione intervenga con misure di sostegno economico: il tpl è un servizio pubblico e, come tale dovrebbe avere carattere di universalità, è un diritto a cui hanno, appunto, diritto tutti i cittadini, indipendentemente da dove abitano”.

Autolinee toscane, Stella, tagli


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080