Lo afferma il viceministro

Russia: pronti a aprire porti ucraini se verranno riviste sanzioni dell’Occidente

MOSCA – Il ministero degli Esteri russo ha affermato che prenderà in considerazione l’apertura dell’accesso ai porti ucraini del Mar Nero solo se verrà presa in considerazione anche la rimozione delle sanzioni contro la Russia, riferisce l’agenzia di stampa Interfax.
Il viceministro degli esteri russo, Andrei Rudenko, ha affermato: “Non bisogna solo appellarsi alla Federazione Russa, ma anche guardare a fondo l’intero complesso delle ragioni che hanno causato l’attuale crisi alimentare e, in primo luogo, queste sono le sanzioni che sono state imposte alla Russia dagli Stati Uniti e dall’UE che interferiscono con il normale libero scambio, che comprende prodotti alimentari tra cui grano, fertilizzanti e altri,”

Le osservazioni di Rudenko arrivano dopo che il capo dell’alimentazione delle Nazioni Unite, David Beasley, ha supplicato Vladimir Putin, dicendo che milioni di persone sarebbero morte in tutto il mondo a causa del blocco russo dei porti del Mar Nero.

Mar Nero, Onu, porti, Russia


Ezzelino da Montepulico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080