Prospettive negative

Pil Italia: Moody’s taglia le stime, da +3,2% scende al +2,3%

il ministro dell’Economia e Finanze Daniele FrancoANSA/GIUSEPPE LAMI – pool

ROMA – I grandi timonieri chiamati da Mattarella a rimettere sulla rotta giusta economica la nave Italia stanno facendo un flop colossale. Lo certifica Moody’s. che ha tagliato le stime di crescita dell’Italia nel 2022 al +2,3%, dal +3,2% previsto a marzo, e quelle nel 2023 dal +2,1% al +1,7%.

L’Eurozona, si legge nel nuovo Macro Global Outlook, crescerà nel 2022 del 2,3%, a fronte del 2,5% previsto due mesi fa, mentre nel 2023 è atteso un piccolo miglioramento (da +2,2 a +2,3%). Molto meglio dell’Italia dell’ex banchiere centrale.

Frenano anche gli Usa di Biden, finanziatore di cifre enormi in dollari ed armi di Zelensky, , da +3,7 al +2,8% nel 2022 e dal +2,5% al +2,3% nel 2023, e limitatamente al 2022 anche la Cina, da + 5,1% a +4,5%, mentre nel 2023 il pil di Pechino viene rivisto al rialzo da +5,2 a +5,3%. Come si può notare in calo vertiginoso tutti i maggiori sostenitori, anche in termini di sussidi, dell’Ucraina di Zelensky.

Italia, Moody's, pil


Ezzelino da Montepulico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080