Le dichiarazioni dell'ex cancelliera

Merkel scende di nuovo in campo e afferma “il mio cuore ha sempre battuto per l’Ucraina”

Angela Merkel EPA/CLEMENS BILAN

BERLINO – Torna a parlare. per la prima volta dopo il suo ritiro dalla scena politica, l’ex cancelliera tedesca Angela Merkel. £Il 24 febbraio ha rappresentato una cesura”, ha detto l’ex cancelliera nella prima intervista rilasciata “fuori servizio”, dopo sei mesi di silenzio stampa dalla fine del suo ultimo mandato.

“Personalmente ho smesso di fare la cancelliera e questa è una bella sensazione. Mi sono prefissata di fare altre cose e anche questa è una bella sensazione. Ma resto una persona politica e alcune volte mi sento angustiata”.

 Secondo Merkel, l’aggressione all’Ucraina  “non ha alcuna giustificazione. Non c’è alcuna scusante. E’ stato un grande errore. Mi è capitato di leggere che mi dedico soltanto ad appuntamenti che mi procurano benessere. Ma questo è chiaro!”, ha detto ancora  Merkel, provocando l’applauso della sala alla Berliner Ensamble.

Merkel ha spiegato: “Non mi sento un cittadino comune e penso di avere ancora dei doveri nei confronti del Paese”.E ha sottolineato di essere ancora “alla ricerca del suo percorso come cancelliera fuori servizio”. Ma poi ha chiarito che deve anche “riposarsi”, dopo 16 anni di piena responsabilità per il Paese, “un tempo molto lungo”.

Poi ha aggiunto sulla guerra in Ucraina, “Si può dire che quando ho visitato Putin a Sochi, nel 2007, nella famosa visita con il cane, lui ha detto che la caduta dell’Unione sovietica sia stata la peggiore catastrofe del Ventesimo Secolo. Io gli risposi che per me era stato uno degli eventi più belli della mia vita”. E ha aggiunto: “Il mio cuore ha sempre battuto per l’Ucraina”. A proposito delle trattative nel formato Normandia con Mosca e Kiev. “Non ero per metà per la Russia, e per metà per l’Ucraina. Il mio cuore ha sempre battuto per l’Ucraina”, ha affermato.
L’ex cancelliera ha spiegato di essersi sempre sforzata “di trovare un modus vivendi con la Russia che non portasse alla guerra. Un modo di coesistere”.

merkel, Russia, Ucraina


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080