Martedì 14 giugno alle 21.15

«La cupola armonica»: un concerto gratis in cattedrale per i 600 anni con una prima assoluta di Sciarrino

Salvatore Sciarrino col manoscritto del suo brano sotto la Cupola del Brunelleschi (foto Claudio Giovannini, Opera di Santa Maria del Fiore)

FIRENZE – Martedì 14 giugno alle 21.15 nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore ci sarà il secondo evento celebrativo dei 600 anni dall’inizio della costruzione della cupola del Brunelleschi (1420 – 2020): il concerto La Cupola armonica, coproduzione tra Opera di Santa Maria del Fiore e Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, col Conservatorio «L. Cherubini» di Firenze; nel programma è inclusa un’apposita commissione , che si ascolterà in prima esecuzione assoluta: Al sognatore di cupole di Salvatore Sciarrino.

Il tutto sarebbe stato previsto per il 2020, ma si sa com’è andata; scartato il 2021 per le troppe restrizioni, finalmente l’Opera di Santa Maria del Fiore può annunciare l’evento, ideato dal musicologo Gabriele Giacomelli e reso possibile dalla preziosa collaborazione tra l’Opera di Santa Maria del Fiore, la Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, che ha messo a disposizione i propri cori diretti dal maestro Lorenzo Fratini, e il Conservatorio «L. Cherubini» di Firenze che ha coordinato l’ensemble strumentale. Il concerto è parte della XXV edizione della rassegna di musica sacra O Flos Colende e dell’84° Festival del Maggio Musicale Fiorentino. Al centro la prima esecuzione assoluta de Al sognatore di cupole per coro, coro di voci bianche ed ensemble strumentale composto su commissione dell’Opera da uno dei più conosciuti compositori viventi, Salvatore Sciarrino. Il brano si articola in cinque sezioni, corrispondenti alle strofe del testo approntato dallo stesso Sciarrino, mettendo insieme alcune frasi di una dedica di Alberti a Brunelleschi, tratte dal Prologo del Trattato sulla pittura. A lungo il compositore ha studiato la particolare acustica della cupola, giungendo a una musica che valorizza le caratteristiche uniche, come il lunghissimo riverbero, di quello spazio. Scrive l’autore: «Non ascolteremo una costruzione musicale astratta, che l’ampiezza dello spazio confonde. Anzi, la composizione si affida alle straordinarie possibilità di riverbero offerte da Santa Maria del Fiore, dove il suono, breve o lungo che sia, rimarrà sospeso, prolungato da un’eco che pare infinita. Quando comincia un’opera nuova assistiamo alla nascita dell’universo. Ecco si leva dagli strumenti un’alba di richiami, una sfera pulsante, attraversata dalla melodia corale e da slittamenti di suoni che modificano l’orientamento generale».

Alcuni dei musicisti si posizioneranno negli alti ballatoi che percorrono tutto il perimetro della cupola in modo creare effetti acustici sorprendenti, recuperando l’antica tradizione musicale della Cattedrale. Infatti, nella prima parte del concerto si ascolteranno musiche composte per essere eseguite sotto la cupola nei secoli passati, ossia i celebri brani scritti da Guillaume Dufay nel 1436 per la consacrazione della Cattedrale (come il mottetto Nuper rosarum flores), ma anche le musiche festose scritte per alcuni dei più solenni matrimoni di membri della famiglia Medici, come Cosimo I e il figlio Ferdinando I.

Gli interpreti per il brano di Sciarrino sono il Coro del Maggio Musicale Fiorentino – fra i più eminenti della coralità italiana – cui si aggiunge il Coro delle Voci Bianche del Maggio e un variegato insieme strumentale di eccellenti musicisti (in parte provenienti dal Conservatorio Cherubini). Per i brani antichi l’esecuzione è affidata a un ensemble vocale e strumentale del Conservatorio Cherubini coordinato da Mauro Morini.

Martedì 14 giugno 2022, ore 21.15

Cattedrale di Santa Maria del Fiore (Piazza del Duomo, Firenze)

La cupola armonica: Al sognatore di cupole, musica di Salvatore Sciarrino per coro, voci bianche e strumenti; prima esecuzione assoluta, in collaborazione con Fondazione del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e Conservatorio di Musica «L. Cherubini» di Firenze; Direzione artistica: Gabriele Giacomelli; Coro delle Voci Bianche dell’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino e Coro del Maggio Musicale; Ensemble strumentale del Conservatorio «L. Cherubini» di Firenze; direttore Lorenzo Fratini.

In programma anche musiche di Dufay, Isaac, Corteccia, Malvezzi, De’ Cavalieri, Marco Da Gagliano

Unconventional Singers diretti da Concetta Anastasi; Ensemble strumentale del Conservatorio «L. Cherubini» di Firenze

Ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti dal 6 giugno 2022 all’indirizzo eventi@duomo.firenze.it.

Durante il concerto è ancora é obbligatorio indossare la mascherina ffp2.

600 anni della cupola di Brunelleschi, 84° Festival del Maggio Musicale Fiorentino, Cattedrale di Santa Maria del Fiore, concerti gratis, Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, Coro del Maggio Musicale Fiorentino, Coro delle voci bianche del Maggio Musicale Fiorentino, Musica, O Flos colende, Salvatore Sciarrino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080