Skip to main content

Mascherina ai seggi: non più obbligatoria. Solo raccomandata. Circolare del Viminale. Resta invece per gli esami di maturità

ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA – Si potrà andare a votare, domenica 12 giugno 2022, anche senza mascherina. La protezione è raccomandata ma non più obbligatoria. In considerazione del mutato quadro epidemiologico l’uso della mascherina è fortemente raccomandato per l’accesso degli elettori ai seggi per il solo esercizio del voto. Lo prevede una circolare del Viminale in seguito alla sottoscrizione di un accordo tra i ministri Luciana Lamorgese e Roberto Speranza. In precedenza l’uso della mascherina era obbligatorio. Invece resta l’obbligo, almeno per ora, per gli studenti impegnati negli esami di maturità.

L’annuncio del Viminale arriva nel giorno in cui, invece, è stato confermato dal Tar del Lazio l’obbligo in occasione degli esami di terza media e di maturità, gli unici ambiti in cui resta in vigore la misura più restrittiva.

La decisione arriva a pochi giorni dal voto e dopo una serie di polemiche che hanno riguardato, in particolare, la possibilità che l’obbligo della mascherina potesse ostacolare il raggiungimento del quorum del 50% di votanti per i cinque referendum sulla giustizia, come ha affermato il leghista Roberto Calderoli, in sciopero della fame assieme ai radicali per chiedere più attenzione al voto referendario, o addirittura una maniera per pilotare l’esito della consultazione, come sostiene il movimento Italexit per il quale l’obbligo di mascherina avrebbe dimostrato “la volontà di far votare domenica 12 giugno solo l’élite, che appoggia la gestione di questo governo”.

In serata dal ministero dell’Interno è stata diramata una circolare a tutti i prefetti dopo la sottoscrizione da parte dei ministri della Salute, Roberto Speranza, e dell’Interno, LucianaLamorgese, “dell’addendum al protocollo sanitario e di sicurezza dell’11 maggio 2022 per lo svolgimento delle consultazioni elettorali e referendarie dell’anno 2022”. Le nuove misure, “in considerazione del mutato quadro epidemiologico”, ha comunicato il Viminale, prevedono “l’uso fortemente raccomandato della mascherina chirurgica per l’accesso degli elettori ai seggi, per il solo esercizio del diritto di voto”. Resta perciò implicitamente ma chiaramente esclusa l’obbligatorietà.

L’unica circostanza nella quale la mascherina resta, per il momento, obbligatoria resta quella degli esami scolastici di fine anno, dopo che il Tar del Lazio ha dichiarato oggi legittima l’ordinanza con cui il ministero della Salute , ha disposto l’obbligo per gli studenti di indossare la Ffp2 negli ambienti scolastici. Anche se non è escluso che la circolare del Viminale dedicata alle operazioni di voto possa fungere da apripista per eventuali revisioni delle procedure anche in ambito scolastico.


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze PostScrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741