L'intervento del sindaco Ferrari

Piombino: 100 barche protestano contro il rigassificatore. E duemila persone dicono “no” in piazza

Piombino

PIOMBINO – No al rigassificatore: 2.000 persone sono scese in piazza a Piombino (Livorno) mentre altre erano su un centinaio di imbarcazioni nelle acque del golfo. Tutti a ribadire il no al rigassificatore che il Governo intende collocare nel porto.

Sul palco è intervenuto anche il sindaco, Francesco Ferrari, che alla luce dell’incontro di venerdì, a Firenze, con il commissario, Eugenio Giani, ha ribadito le ragioni del ‘no’ alla scelta del governo. “Il nostro ‘no’ al rigassificatore a Piombino – ha detto il sindaco Ferrari – è un ‘no’ convinto, non è dettato da un vezzo o da egoismi, ma da un’infinità di ragioni oggettive che ci fanno dire che sarebbe una scelta sciagurata. Ieri abbiamo preso atto di una decisione già presa”.

E ancora: “Ma la piazza di stamani che è quella che più ci rappresenta dice ‘no’, e stamani continua a dire ‘no’. I cittadini di Piombino continuano a dire ‘no’ al rigassificatore. I cittadini della Val di Cornia e dei paesi limitrofi dicono ‘no’. I cittadini di Follonica dicono ‘no’. E con loro dicono ‘no’ le istituzioni e i sindaci di questi Comuni”.

100 barche, duemila in piazza, Piombino, protesta, rigassificatore


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080