Letta riconosce il cambiamento

Guerra in Ucraina: Letta riconosce che per molti italiani la colpa non è solo di Putin, ma anche della Nato

Enrico Letta ANSA / MATTEO BAZZI

ROMA – “La situazione è molto cambiata dall’inizio della guerra, lo dicono anche i sondaggi, gli ultimi
raccontano che l’Italia sia tra i Paesi Ue, insieme ad altri, quello in cui si afferma più spesso che la colpa della guerra in Ucraina non è soltanto russa, che la colpa è anche della Nato. La stanchezza degli italiani rispetto alla guerra la si sente, la si percepisce”. Lo ha detto il segretario del Pd Enrico Letta nel corso della registrazione della puntata di Porta a Porta che andrà in onda stasera.

“Penso che in questo si veda la differenza con altri grandi Paesi: se altri Paesi avessero fatto lo stesso ragionamento noi saremmo ancora sotto il nazifascismo, la riflessione sui valori che vengono difesi in questa guerra è una riflessione profonda da fare”, ha aggiunto.

Molti italiani, riconosce onestamente il segretario Pd, stanno dando ragione a quanto affermato più volte da Papa Francesco e sembrano non voler seguire la volontà di Draghi d’immolarsi sull’altare dell’Ucraina e di Zelensky. Letta si sta accorgendo che il vento sta cambiando, ma non intende, per ora, cambiare la posizione del partito.

Letta, putin, Ucraina, Zelensky


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080