In vigore subito per le auto di nuova omologazione

Sicurezza stradale: l’Ue impone l’obbligo dell’assistente di velocità. Avverte anche se chi guida è stanco o si distrae

Assistente di velocità su auto Seat (Foto ANSA)

BRUXELLES – La novità è immediata: da oggi 6 luglio 2022 tutte le auto di nuova omologazione, in Europa, dovranno essere dotate dell’Intelligent Speed Assistance (Isa), l’assistente intelligente alla velocità. Entra infatti in vigore il nuovo regolamento Ue sulla sicurezza stradale che impone un’ampia gamma di di sistemi avanzati diassistenza alla guida – tra i quali anche l’avviso di disattenzione e di stanchezza del conducente e la scatola neraintegrata – per migliorare la sicurezza stradale, e stabilisce il quadro giuridico per l’omologazione dei veicoli automatizzati e senza conducente. 

Le novità si applicano da oggi per i nuovi modelli presentati dalle case automobilistiche, mentre i modelli giàomologati saranno esenti fino al 6 luglio 2024.  Secondo le stime di Bruxelles, le misure aiuteranno asalvare 25mila vite ed evitando almeno 140mila feriti gravi entro il 2038. “La tecnologia ci aiuta ad aumentare il livello di sicurezza delle nostre auto. Le nuove caratteristiche di sicurezza avanzate e obbligatorie contribuiranno ulteriormente a ridurre il numero di vittime”, ha commentato la vicepresidente della Commissione Ue Margrethe Vestager.  

Bruxelles procederà ora a completare il quadro per i veicoli automatizzati senza conducente presentando nel corso dell’estate regole tecniche per la loro omologazione. Nel frattempo, ha avviato una consultazione pubblica sulla revisione delle norme che disciplinano le revisioni tecniche periodiche dei veicoli, prevista per la metà del 2023. 

assistente di velocità, sicurezza stradale, ue


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080