Il Quirinale mopnitora la situazione

Draghi non si è dimesso: riflessione dopo l’incontro con Mattarella. M5S nel caos. Letta: “Il governo deve andare avanti”

Il Quirinale fotografato dal palazzo della Consulta ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA – Mario Draghi non si è dimesso. Un incontro informale, al Quirinale, tra il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio Mario Draghi. A quanto si apprende, durante il colloquio non sarebbero state assunte decisioni e per ogni altra valutazione il Colle rimanda alle eventuali comunicazioni di palazzo Chigi. 

Il premier Mario Draghi, secondo quanto si apprende dopo l’incontro con il capo dello Stato Sergio Mattarella non si è dimesso ma sta riflettendo. Intanto è in corso la riunione del Consiglio dei ministri. Intanto il Movimento 5 Stelle è nel caos. E Conte si trova al centro degli attacchi di tutte le forze politiche, che lo accusano di voler far precipitare l’Italia nel baratro, perchè ha tirato la corda con Draghi, ma poi non è riuscito a tenere a freno i più frenetici dei grillini.

“Il M5s ha dato sostegno a questo governo sin dall’inizio con una votazione” e i con i “pilastri della della transizione ecologica e della giustizia sociale. Se poi si crea una forzatura e un ricatto per cui norme contro la transizione ecologica entrano in un dl che non c’entra nulla, noi per nessuna ragione al mondo daremo i voti”, ha detto nel pomeriggio il leader dei 5s Giuseppe Conte uscendo dalla sua abitazione. “Se qualcuno ha operato una forzatura si assuma la responsabilità della pagina scritta ieri. L’introduzione” di quella pagina “è stata la riunione del Cdm in cui i nostri ministri non hanno partecipato al voto”. “Se noi prendiamo degli impegni con governo, Parlamento e cittadini e siamo coerenti, chi si può permettere di contestare questa linearità e questa coerenza? Non chiediamo posti, nomine, nulla, ma chiediamo ovviamente di rispettare un programma definito all’inizio: transizione ecologica e urgenza della questione sociale che adesso è esplosa. O ci sono risposte vere, strutturali e importanti opporre nessuno può avere i nostri voti”.

Linea esplicitata anche dalla capogruppo pentastellata Castellone. “La linea è quella che seguiamo dal non voto in cdm, e poi alla Camera o oggi al Senato, dove abbiamo scelto il non voto nel merito di un provvedimento. Invece c’è tutta la nostra disponibilità a dare la fiducia al governo” in una eventuale verifica “a meno che Draghi non dica che vuole smantellare il reddito cittadinanza o demolire pezzo per pezzo ogni nostra singola misura, dal decreto dignità al cashback”. Lo dice la capogruppo del M5S Maria Domenica Castellone nella diretta de La7 con Enrico Mentana. “Noi abbiamo sempre avuto un atteggiamento costruttivo ma non permettiamo che si smantellino nostre misure”, aggiunge.

“Credo che per l’interesse del Paese il governo Draghi debba andare avanti”: Lo ha detto il segretario nazionale del Pd, Enrico Letta, arrivando a Portonovo di Ancona, commentando la crisi dell’esecutivo dopo lo strappo in Senato del M5s. “Credo che sia un interesse di tutti che il governo prosegua – ha aggiunto Letta – Un interesse che sta maturando anche con fortissime spinte che provengono da ovunque, anche dalle parti sociali, dal mondo del lavoro, dall’Unione europea”. 

draghi, M5S, Mattarella


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080