Skip to main content

Pil Usa: in forte contrazione (-0,9%), si teme la recessione, ma Biden nega l’evidenza

US President Joe Biden EPA/MICHAEL REYNOLDS

NEW YORK – Il pil americano nel secondo trimestre si è contratto dello 0,9%. Il dato è peggiore delle attese degli analisti, che scommettevano su un +0,4%.

Il pil statunitense si era contratto nei primi tre mesi dell’anno dell’1,6%. Per gli Usa si tratta quindi di due trimestre consecutivi di contrazione della crescita e quindi di recessione. Una crescita negativa per due trimestri consecutivi infatti è la definizione di recessione tecnica. Una definizione che da giorni spacca la politica americana, con la Casa Bianca che minimizza così come la Fed. Proprio Jerome Powell ha detto che a suo avviso l’economia americana non è in recessione in quanto continua a creare posti di lavoro.

Biden, recessione, usa


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741