Skip to main content

Viaggio Pelosi: la speaker è giunta in Malesia, forse Taiwan prossima tappa. Scintille con la Cina

Mario Draghi e Nancy Pelosi in una foto d’archivio (EPA/MICHAEL REYNOLDS)

ROMA – La presidente della Camera americana Nancy Pelosi, a capo della delegazione del Congresso,
è arrivata in Malaysia, seconda tappa del suo tour in Asia, prima dell’ipotesi di una sosta a Taiwan, in base a molte anticipazioni dei media.

Pelosi, nella capitale malese Kuala Lumpur, è arrivata dopo essere atterrata alla base della Royal Malaysian Air Force (RMAF) a Subang intorno alle 10.30 locali, dopo il breve volo da Singapore. La speaker dovrebbe incontrare la controparte Tan Sri Azhar Azizan Harun presso l’edificio del Parlamento a mezzogiorno prima di un pranzo con il premier Datuk Seri Ismail Sabri Yaakob, in base al resoconto dei media locali.

Il programma ufficiale prevede che, dopo Kuala Lumpur, Pelosi di diriga a Seul, in Corea del Sud: la rotta dei voli commerciali sulla tratta segue la costa orientale di Taiwan, opposta quindi a quella della Cina, creando le condizioni migliori per uno scalo a Taipei con le minacce di risposta militare da parte di Pechino.

In attesa della possibile visita di Nancy Pelosi, diverse aerei da guerra cinesi hanno volato vicino la linea mediana che divide lo stretto di Taiwan: lo ha riferito una fonte alla Reuters. Secondo la fonte, oltre ai caccia, anche navi da guerra si sono avvicinate alla linea di demarcazione non ufficiale nello Stretto.

Gli Stati Uniti stabilirono i legami diplomatici con la Malaysia nel 1957 in seguito all’indipendenza dalla Gran Bretagna: le parti hanno elevato le relazioni bilaterali a un partenariato globale nell’aprile del 2014.


Paolo Padoin

Già Prefetto di FirenzeMail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741