Skip to main content

Debito pubblico: nuovo record, a giugno arriva a quota 2.766 mld

Draghi al Senato

ROMA – Il governo Draghi, messo in campo da Mattarella per risanare l’economia e gestire al meglio la finanza pubblica, sta battendo ogni record, sfondando a ripetizione il tetto del debito pubblico.

Cresce di 11,2 miliardi il debito pubblico a giugno e tocca quota 2.766,4 miliardi di euro, raggiungendo una nuovo record in valori assoluti. E’ quanto emerge dai dati riportati dal Supplemento Finanza Pubblica del bollettino della Banca d’Italia.

Dall’inizio dell’anno, quando il debito si attestava a 2.714,2 miliardi la crescita è stata dell’1,9%. La ripresa dell’economia ma anche la crescita dei prezzi intanto spingono gli incassi del fisco. Nel primo semestre dell’anno – ha calcolato Bankitalia – le entrate tributarie sono state pari a 218,1 miliardi, in aumento dell’11,9 per cento (23,2 miliardi) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Si tratta di dati aggregati che tengono conto del solo andamento di cassa dal quali è difficile identificare le singole componenti della crescita del gettito. A giugno le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 36,0 miliardi, in aumento del 10,4% (3,4 miliardi) rispetto allo stesso mese del 2021.

Una pesante eredità verrà lasciata da SuperMario al governo che verrà.

debito pubblico, draghi, record


Paolo Padoin

Già Prefetto di FirenzeMail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741