Skip to main content

Al via a Firenze la seconda edizione del Festival delle Associazioni Culturali

Il museo Stibbert

FIRENZE – Una rassegna con tanti eventi che coinvolge più di 40 realtà culturali, tra visite guidate, concerti, cinema, teatro e conversazioni su arte, letteratura e storia, in 34 luoghi inconsueti e affascinanti della città di Firenze: si terrà nel capoluogo toscano dall’8 al 30 settembre la seconda edizione del Festival delle Associazioni Culturali, l’iniziativa organizzata da Centro Associazioni Culturali Fiorentine APS. In programma un calendario fitto di appuntamenti che offrirà ai partecipanti la possibilità di scoprire spazi di immenso valore storico e artistico, di cui molti apriranno le porte in via straordinaria per l’occasione. La manifestazione è realizzata grazie al contributo di Estate Fiorentina, Comune di Firenze, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, sponsor tecnico Unicoop. Elemento distintivo del festival sono i luoghi che lo ospitano: da spazi iconici della cultura Fiorentina, tra gli altri il Teatro della Pergola, l’Istituto Francese, la Biblioteca delle Oblate, il Giardino delle Rose, la Basilica della SS Annunziata e la Villa Medicea La Petraia, Villa Bardini e il Museo Stibbert, a spazi che deviano dagli itinerari consueti, come Piazza del Limbo, il Cimitero agli Allori, il Parco della Rimembranza e la Certosa di Firenze, fino a palazzi, chiese e residenze e istituzioni private normalmente chiusi al pubblico, che per un giorno riveleranno i propri tesori: la Casa del Mutilato, per un viaggio tra architettura, opere d’arte e arredi dal XIV secolo al primo Novecento; Villa Tornabuoni Lemmi, dove si parlerà della Villa Medicea di Careggi e della poco conosciuta Loggia Platonica posta sulle rive del Terzolle; l’archivio storico del Maggio Musicale e la sua inestimabile collezione di documenti, bozzetti originali di grandi maestri della pittura contemporanea e del 900, maquettes di scena, costumi, manifesti e fotografie; Casa Museo Schlatter, atelier del pittore mistico Carlo Adolfo Schlatter; Villa ‘Il Palmerino’, dimora della poetessa e scrittrice Vernon Lee; e ben sei antichi oratori sconosciuti anche agli stessi fiorentini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741