Skip to main content
tessera_sanitaria

Tessera sanitaria: quella nuova sarà senza chip, per carenza semiconduttori. Tagliati servizi

tessera_sanitaria
tessera_sanitaria

ROMA – Arriva la tessera sanitaria senza chip. Una scelta “obbligata” che porta a una maggiore difficoltà di accesso ad alcuni servizi nel campo di sanità e rifiuti. Il via libera è stato dato dal ministero dell’Economia e delle Finanze con un decreto risalente al 1° giugno. “La novità – spiega in una nota il ministero dell’Economia e delle Finanze – è dovuta alla carenza di materiali semiconduttori per la produzione dei microchip, generata dalla grave crisi internazionale”, difficoltà che sta incidendo anche su altri settori, come quello delle automotive, della telefonia e della tecnologia.

La “crisi del microchip” è iniziata a causa delle restrizioni dovute alla pandemia che hanno imposto una brusca frenata alle consegne e hanno decretato la chiusura di alcuni stabilimenti. Pesa in particolare la dipendenza commerciale dalla Cina, i cui rapporti sono stati messi a dura prova dalla politica “zero-Covid”.

La crisi è stata poi alimentata dal conflitto tra Russia e Ucraina. I due paesi in guerra sono infatti esportatori di palladio e neon, componenti indispensabili per le industrie di semiconduttori e chip. A questo problema si è aggiunto recentemente l’embargo di forniture di materie prime della Cina ai danni di Taiwan, leader nell’assemblamento dei microchip. In questo momento, infatti, l’offerta non riesce più a tenere il passo della domanda: rispetto a 5 anni fa, i tempi di consegna dei chip necessari per i sistemi di sicurezza bancaria informatica si sono dilatati fino a raggiungere le 52 settimane contro le 27 settimane pre-Covid.

Ma il problema non riguarda solo le tessere sanitarie. La mancanza di semiconduttori rischia di diventare un problema anche per la produzione di bancomat, carte di credito e carte di identità elettroniche.
Le nuove tessere sanitarie senza microchip varranno come Codice fiscale e Tessera europea assistenza malattia (Team), da utilizzare in caso di problemi di salute incontrati nel corso di viaggi all’interno della Comunità Europea, ma non avranno le funzionalità della Carta nazionale dei servizi, ovvero identificazione e autenticazione online e firma elettronica avanzata nei rapporti con le pubbliche amministrazioni. Funzioni sovrapponibili a quelle della Spid, l’identità digitale “immateriale” composta da nome utente e password.

Chi, pur avendo ricevuto la nuova tessera, è in possesso della vecchia e vuole continuare a usarla per accedere ai servizi della pubblica amministrazione può farlo. Prima della scadenza bisogna estendere la durata del certificato di autenticazione fino al 31 dicembre 2023 attraverso un software pubblicato sul portale del Sistema tessera sanitaria gestito dal ministero dell’Economia e delle Finanze. Ma c’è un problema, per estendere la validità della precedente carta è fondamentale essere in possesso del codice Pin fornito all’atto dell’invio del documento che molti non avranno conservato.


Ezzelino da Montepulico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741