Elezioni, sondaggio Bidimedia: centrodestra vicino a maggioranza 2/3, con 12 collegi in bilico

ANSA / Ufficio stampa Lega

ROMA – I sondaggi politici finora pubblicati non sembrerebbero avere dubbi: il centrodestra vincerà le prossime elezioni, con l’unico interrogativo che sembrerebbe riguardare il possibile raggiungimento o meno di una maggioranza di due terzi nel prossimo Parlamento, soglia che consentirebbe alla coalizione di poter modificare la Costituzione senza che le opposizioni possano richiedere un referendum abrogativo a riguardo.

In questo scenario, Bidimedia ha realizzato un modello che simula l’esito del voto sulla base dei sondaggi delle ultime due settimane e di come si è votato nelle precedenti elezioni politiche.

L’esito delle elezioni, che è stato simulato 10.000 volte, stando a Bidimedia, sarebbe già chiaro: senza contare gli 8 deputati eletti all’estero e quello in Valle d’Aosta, alla Camera il centrodestra dovrebbe ottenere 255 seggi su un totale di 400.

Stando a questa stima, il centrodestra non sarebbe lontano alla Camera dal raggiungimento di una maggioranza dei due terzi (266 seggi): alle prossime elezioni così potrebbero essere decisivi i collegi uninominali considerati incerti, stimati in 12, che consentirebbero il raggiungimento di quella fatidica cifra. I collegi dove la partita sarebbe aperta si trovano prevalentemente nelle regioni tradizionalmente rosse, Toscana e Emilia-Romagna, e nelle grandi città. In Toscana figurano Livorno, Prato, Pisa, Grosseto, in Emilia Romagna Ravenna, Carpi, Modena, Imola, Forlì, Reggio Emilia. Sono queste le sfide più interessanti e delicate.

Contro l’ipotesi di una modifica unilaterale della Costituzione si erano già in precedenza scagliati politici e costituzionalisti di sinistra, che non ritengono possibile il cambio della Carta fondamentale solo ad opera di una sola parte politica, tanto meno se di centro destra. Anche se l’ultima modifica del titolo V della Costituzione fu approvata dalle sole sinistre con quattro voti di scarto, ma allora tutto andò bene. La modifica o l’integrazione della Costituzione, che ormai solo Benigni e Napolitano ritengono la più bella del mondo, dovrebbe avvenire adesso, secondo le sinistre, solo se concordata fra le parti, anche da quella eventualmente bocciata dagli elettori. Ma probabilmente anche il centrodestra, in caso di vittoria schiacciante, non pretenderà di fare tutto da solo.

2/3, costituzione, maggioranza, modifca


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080