Dopo la scelta di Kate di portare il marito negli Usa

Morte di Elisabetta II: William e Harry con le mogli, di nuovo riuniti a Windsor nel nome della nonna

Kate, William, Harry e Meghan a Windsor (Foto ANSA)

LONDRA – Ha sanato un’altra ferita, Elisabetta II. Dopo il lungo gelo, i due nipoti, William e Harry, si sono riavvicinati. Un ritorno insieme in cui molti, dentro e fuori la famiglia reale britannica, speravano. Il principe William, ora erede al trono, e il ‘ribelle’ Harry, si sono ritrovati, oggi 10 settembre 2022, insieme con le rispettive mogli, Kate e Meghan, per ammirare i mazzi di fiori lasciati dinanzi all’ingresso del castello di Windsor in memoria e in onore della loro nonna, la regina Elisabetta e ringraziare le migliaia di persone assiepate lungo la strada che conduce alla residenza.

Di sicuro ha fatto breccia il primo discorso da re pronunciato da Carlo III, in cui invocava il sostegno del primogenito William e della consorte, diventati principe e principessa del Galles (la prima a usare il titolo dopo Diana), ma allo stesso tempo rivolgeva parole pubbliche di “affetto” anche verso il secondogenito Harry, e sua moglie Meghan.

Con la ‘reunion’ a Windsor sono stati smentiti i tanti gossip, circolati anche sui tabloid britannici, secondo cui lo stesso Carlo avrebbe chiesto ad Harry di non portare la moglie al castello di Balmoral, a causa dei trascorsi conflittuali coi Windsor, nel tentativo vano di poter salutare la nonna sul letto di morte. E invece sembra proprio che sia il dolore per la perdita di una figura tanto importante per i principi, sia l’indirizzo pacificatore del sovrano siano stati determinanti.

Sempre oggi, William, nel primo comunicato dopo la scomparsa della sovrana ha affermato: per onorare la sua memoria “sosterrò mio padre, il re, in ogni modo possibile”. Il riavvicinamento sorprende se si pensa alle polemiche mai sopite e di recente rinnovate attorno ad Harry e Meghan, sottrattisi loro sponte allo status di membri senior della Royal Family sulla scia del traumatico strappo del 2020 e del trasferimento in pianta stabile negli Usa.

Ma anche alle forti tensioni tra i duchi di Cambridge (ora anche di Cornovaglia) e quelli di Sussex. Il nuovo re ha già dato una certa impronta unitaria e assegnato i ruoli per una famiglia reale che deve essere coesa se vuole superare la perdita del pilastro che la reggeva e che allo stesso tempo teneva in piedi la monarchia. Molto importante il ruolo di Kate, diventata principessa del Galles, titolo che nessuno dopo la morte di Lady D aveva utilizzato. Tanto meno Camilla, nuova regina consorte, che pur avendone il diritto non aveva osato assumerlo per rispetto alla figura di Diana e per evitare possibili polemiche.

Ora per Catherine, questo il suo nome per intero, è venuto il tempo di avere un nuovo ruolo pubblico di peso che, secondo alcune fonti, lei intende interpretare in modo originale e moderno, con un richiamo implicito all’eredità di Diana, ma all’interno di certi limiti. Un po’ definiti da William nel suo comunicato odierno quando dice che la moglie ha avuto “vent’anni di guida e sostegno” da parte di Elisabetta.

Intanto il principe di Galles, come indicato dal padre, ha l’impegno di gestire il patrimonio di famiglia, rappresentato fra l’altro dalle vaste proprietà del Duchy of Cornwall ma anche di seguire le tante cause difese da Carlo in precedenza, dalle attività di beneficenza all’ambiente, impegnandosi nel sociale in favore di quanti provengono da contesti disagiati. William e Kate saranno sempre più attivi sul fronte di una modernizzazione prudente, per dare un’idea di monarchia al passo coi tempi e di una famiglia Reale capace, come si è visto oggi, anche di mettere a tacere l’orgoglio. 

elisabetta II, Kate, Meghan, William, Windsor


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080