Una spesa di 42 milioni di dollari

Pisa: Usa potenziano base Camp Darby. Ponte girevole e nuova zona carico e scarico munizioni

PISA – Vale 42 milioni di dollari, a carico del Governo americano, il progetto infrastrutturale per
potenziare la logistica della base di Camp Darby, a Pisa, presso l’area di stoccaggio delle munizioni. Il progetto comprende un ponte ferroviario girevole sul canale dei Navicelli, l’ammodernamento delle banchine e la costruzione di una zona sicura per carico e scarico delle munizioni.

Alla cerimonia del taglio del nastro hanno partecipato alti ufficiali militari Usa e italiani, oltre a autorita’ civili e funzionari italiani. Tra loro il presidente della Toscana, Eugenio Giani, il prefetto Maria Luisa D’Alessandro, il Console generale degli Stati Uniti a Firenze, Ragini Gupta.

“Il progetto – ha spiegato il colonnello Matthew Gomlak, comandante della Guarnigione Usa – migliora l’infrastruttura logistica delle forze armate statunitensi per sostenere le operazioni degli Alleati degli Stati Uniti e della Nato in Europa e in Africa ed e’ un investimento destinato a aumentare la sicurezza delle operazioni logistiche a Camp Darby”.

Il ponte girevole e’ la parte piu’ visibile del progetto ferroviario e consente di far giungere i vagoni ferroviari in un’area di stoccaggio munizioni protetta. Quando non e’ usato, il ponte occupa un’area a lato del canale lasciando libero il passaggio alle imbarcazioni civili.

Una volta collegato al sistema ferroviario, ha concluso Gomlak, “consentira’ ai treni di passare il canale direttamente in zona sicura per movimentare materiali pericolosi, eliminando cosi la necessita’ di messa in sicurezza e gli spostamenti attraverso aree non militari: in tempi di crisi, Camp Darby puo’ offrire il potenziale per distribuire rapidamente rifornimenti e munizioni”.

L’area e’ nel parco naturale San Rossore Migliarino e il piano prevede ripristino delle zone umide, piantumazione di nuovi alberi e gestione della fauna. Piantati 9.510 alberi e arbusti e create quattro nuove zone umide per garantire l’ecosistema. Il nuovo scalo ferroviario puo’ ospitare 150 vagoni; inoltre c’e’ un progetto da 4 milioni di dollari con l’ammodernamento della banchina di Tombolo per il carico/scarico di imbarcazioni piu’ piccole. Il ponte a travata d’acciaio, lungo 67 metri, pesa 600 tonnellate e ha 30.000
bulloni.

Le maggiori autorità locali hanno benedetto questo potenziamento, che può essere utilissimo per gli Usa e per la Nato per sostenere l’Ucraina, vista la probabile prosecuzione del conflitto. Sono lontani i tempi in cui le sinistre e i contestatori anarcoinsurrezionalisti o dell’estrema sinistra assaltavano la base americana e facevano le operazioni di trainstopping per bloccare il rifornimento di armi, come ho sperimentato personalmente in occasione della manifestazioni del Social forum di Firenze quando, negli anni 2000 -2003, ero prefetto di Pisa.

armamenti, camp darby, potenziamento, usa


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080