Le reazioni al voto in Italia

Nuovo governo Meloni: mercati non spaventati, aspettano la legge di bilancio. Spread resterà stabile

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi, Matteo Salvini, ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Niente panico. Il Pd, Calenda e Renzi puntavano sullo “spavento” della comunità internazionale, e in particolare dell’Unione Europea, di fronte alla vittoria di Giorgia Meloni. In realtà, com’è nella loro natura, analisti internazionali e mercati finanziari non risultano nè sorpresi, nè spaventati. Danno semplicemente appuntamento alla nuova, possibile, inquilina di Palazzo Chigi, quando dovrà fare i conti e presentare la legge di bilancio. Del resto è logico: la campagna elettorale è finita e fra poco sarà il momento delle scelte che contano. Il governo di Giorgia Meloni – è i questo che si parla – sarà misurato sulla serietà ed efficacia degli atti. Che è quello che interessa non solo agli analisti internazionali, ma soprattutto a tutti gli italiani.

POLITICA ECONOMICA – Il voto degli italiani “conferma le attese iniziali con una chiara affermazione del centro destra che è attesa avere una salda maggioranza in entrambe le camere. I risultati – commentano gli analisti di Equita – non ci sembrano una sorpresa rispetto a quanto era emerso nelle scorse settimane. Al margine, la posizione relativa più forte di FdI rispetto alla Lega porta a ipotizzare un`impostazione di politica economica probabilmente meno aggressiva e un maggiore supporto in politica internazionale alle posizioni USA/EU”. Dal punto di vista dei mercati “ci aspettiamo che lo spread BTP-Bund possa assestarsi attorno ai 230-250 punti base in attesa che il mercato vada a valutare la composizione del governo e la legge di bilancio, a meno che non ci sia un cambio di tono da parte del nuovo governo o un deciso peggioramento del contesto macro. Una maggiore inflazione sia sul 2022 che sul 2023 lascia qualche spazio per mantenere il rapporto debito/GDP sotto controllo (maggiori entrate fiscali in grado di compensare oneri finanziari e spese pensionistiche più alte)”.

MERCATI – E nessuna particolare ripercussione della vittoria netta del centrodestra alle elezioni italiane è stata registrata sui mercati: la comoda maggioranza raggiunta sia al Senato che alla Camera viene interpretata dagli investitori come un segno di stabilità, e questo rappresenta un elemento positivo. Milano, dopo i primi scambi in rosso, ha invertito la rotta e ha proseguito in territorio positivo in una seduta che appare invece debole e incerta per gli altri indici, appesantiti dai timori per la recessione e per l’estrema debolezza dell’euro.

SPREAD – Il sorvegliato speciale resta lo spread, inteso come termometro del grado di affidabilita’ di un paese nel ripagare il suo debito: il differenziale tra i titoli italiani e quelli tedeschi ha aperto in leggero calo rispetto alla chiusura di venerdì, a 229 punti, ma il tasso del rendimento del Btp, in linea con i titoli degli altri paesi dell’Eurozona, e’ avanzato fino al 4,45% segnando un nuovo massimo dal 2013. Di conseguenza, anche lo spread ha registrato un rialzo per collocarsi a fine mattinata a 236 punti. A mettere sotto pressione i titoli di Stato dell’Eurozona, è la prospettiva di nuovi rialzi dei tassi di interesse da parte della Bce. Anche l’Unione Europea guarda con attenzione a quel che succede in Italia, ma prima di pronunciarsi aspetta gli atti, cioè le prime mosse. Che lo ripeto: non sono importanti solo per il mondo, ma si riveleranno determinanti per l’Italia, in un momento di contingenza economica tutt’altro che favorevole.

analisti finanziari, governo Meloni, legge di bilancio


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080