Frana Ischia: Cinque corpi recuperati, altre tre vittime individuate. Il governo dichiara lo stato d’emergenza per l’isola

Una immagine dall’elicottero dell’esercito della devastazione causata dalla frana a Casamicciola (ANSA/ESERCITO EDITORIAL)

NAPOLI – E’ stata recuperata la salma di una quinta vittima della frana che ha colpito ieri, all’alba, il Comune di Casamicciola ad Ischia. E’ sempre nella zona di via Celario dove i soccorritori sono al lavoro e dove hanno estratto già due corpi. Altre due vittime sono state individuate, nella stessa zona, ma non è stato ancora possibile liberarle dal fango. I cani ‘molecolari’ hanno rintracciato probabilmente anche l’ottava vittima di cui adesso i soccorritori conoscono la posizione. Al momento i soccorritori non divulgano i nomi delle vittime anche perché per alcune di loro l’identità non è stata ancora annunciata. 
Tra le vittime accertate  anche un neonato di 21 giorni. Il corpicino del bimbo è stato recuperato all’interno di un’abitazione di soccorritori con non poche difficoltà ed attualmente si trova presso l’obitorio dell’ospedale Anna Rizzoli di Lacco Ameno. Il piccolo è uno dei 5 già recuperati. C’anche una bimba di 5-6 anni. La piccola indossava una pigiamino rosa. Il suo corpo è stato trovato in una camera da letto, sotto un materasso, di una casa travolta dalla frana. Ieri, sotto un metro e mezzo di fango, era stato ritrovato il corpo di Eleonora Sirabella, di 31 anni. 

“Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro per la Protezione civile, ha dichiarato lo stato di emergenza al quale farà seguito l’ordinanza del capo della Protezione civile, e ha disposto un primo stanziamento di 2 milioni di euro”. Ad annunciarlo, il ministro per il Sud, Nello Musumeci che ha la delega alla Protezione al termine del Consiglio dei ministri su Ischia. Al primo stanziamento di 2 milioni di euro, il ministro Musumeci ha aggiunto che “seguiranno altri stanziamenti non appena avremo una ricognizione dei danni e delle esigenze immediate. Diverso il ragionamento sul piano di ricostruzione che riguarderà strutture pubbliche e private” . La premier Giorgia Meloni ha espresso l’intenzione di andare a Ischia prima possibile. E’ quanto riferito dal ministro per il Sud, Nello Musumeci che ha anche la delega alla Protezione al termine del Consiglio dei ministri su Ischia. Ai cronisti che gli chiedevano dei tempi di una visita, Musumeci ha aggiunto: “Andarci adesso sarebbe solo una passerella”.

Sono 167 gli sfollati secondo il prefetto di Napoli
 Claudio Palomba, al termine della riunione del Centro coordinamento soccorsi che si è svolto in Prefettura per fare il punto sulla situazione a Casamicciola colpita dalla frana nella prima mattinata di ieri. Le abitazioni coinvolte dalla frana dovrebbero essere 15. I dispersi dovrebbero essere i componenti di 2 nuclei familiari e ci dovrebbero essere almeno 2 minori.

Chiedono di rientrare nelle loro abitazioni, almeno per recuperare qualche abito, gli sfollati che a causa dell’alluvione di ieri mattina hanno dovuto lasciare le loro case. Gli sfollati sono stati sistemati un albergo della zona ma in molti, almeno per oggi, hanno trovato accoglienza in casa di amici e parenti.

Si era accorta della tragedia imminente: Eleonora Sirabella, 31 anni, la prima vittima accertata della frana di Casamicciola, aveva chiesto aiuto al padre.  Viveva con il compagno, ancora disperso, nella zona del Rarone, una delle più colpite dalla lava di fango scesa nella notte di sabato.

emergenza, frana, morti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080