Livorno: “Brucio i vigneti Sassicaia se non mi date 150mila euro”. Arrestato un 47enne per tentata estorsione

LIVORNO – E’ stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di tentativo d’estorsione. A finire in carcere un 47enne che avrebbe provato a estorcere 150.000 euro in bitcoin ai dirigenti della casa vinicola che produce il Sassicaia, uno dei vini più pregiati al mondo a Bolgheri, in provincia di Livorno. Ma i dirigenti si sono rivolti ai carabinieri che hanno scoperto e arrestato il 47enne che risulta residente a Trieste.

L’uomo sarebbe già noto per reati simili contro grandi e prospere aziende della filiare agroalimentare, sia produttori sia pure la grande distribuzione organizzata. Stavolta, agendo esclusivamente via Internet, ha puntato su Bolgheri e il suo vino famoso.

L’accusa è di tentata estorsione per fatti che risalgono alla fine di marzo 2022, quando i dirigenti della tenuta ricevettero lettere e-mail criptate in cui si intimava di versare 150.000 euro in bitcoin nel giro di pochi giorni per non vedere andare incendiati i vigneti.

I vertici dell’azienda vitivinicola non cedettero al ricatto anche se eb bero timore delle minacce. Il 47enne, hanno ricostruito i carabinieri, aveva formulato l’estorsione dimostrando una precisa conoscenza delle proprietà. Nozioni, però, apprese solo studiando l’area del Sassicaia su Internet.

arresto, Sassicaia, tentata estorsione


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080