Skip to main content

Bollette energia: Nomisma prevede calo luce (-25%) e aumento gas (+20%)

ROMA – “Per le tariffe dell’elettricità arrivano finalmente buone notizie mentre per il gas non è ancora tempo di ribassi”. E’ la previsione di Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia, secondo cui “la variazione stimata in base ai prezzi all’ingrosso dell’elettricità, scesi sulla pressione di quelli del gas, è dell’ordine del 25%, circa 16 centesimi di euro in meno a kWh che dovrebbe portare di nuovo le tariffe verso i 50 centesimi a kWh”.

Le buone notizie per le tariffe dell’elettricità – per il mercato tutelato – arrivano “anche grazie al metodo di calcolo che vede un adeguamento ogni tre mesi e con l’ultimo fatto a fine settembre, quando i prezzi del gas erano al massimo, è inevitabile ora un ribasso”, spiega Tabarelli. Il calo della tariffa porta, “per una famiglia tipo che consuma 2700 kWh all’anno, a una riduzione di 430 euro in meno su base annua.

Per i prossimi trimestri – stima il presidente di Nomisma energia – si attendono ulteriori riduzioni, sia per le recenti dinamiche dei prezzi del gas che per i probabili correttivi che il governo introdurrà in particolare per il tetto ai prezzi dell’elettricità da rinnovabili”.

Per il gas, “dopo le modifiche nel meccanismo di calcolo introdotte dallo scorso ottobre” dall’Arera (l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) sempre per i clienti in maggior tutela, “le tariffe sono più instabili e seguono la media mensile, con quella di dicembre che verrà calcolata il prossimo inizio gennaio” ricorda Tabarelli.

“Anche con prezzi bassi intorno agli 80 euro/MWh negli ultimi giorni, come probabile, la media di dicembre sarà comunque in crescita sul mese precedente, in quanto a inizio mese i valori erano quasi doppi degli attuali, oltre i 140 euro/MWh – ricorda ancora Tabarelli – L’effetto sarà un aumento delle bollette del gas di dicembre del 20% a 1,48 euro/metro cubo.

Per una famiglia tipo che consuma 1400 metri cubi anno, questo incremento rispetto al mese precedente equivale a una maggiore spesa, su base annua di 360 euro. I cali per le bollette del gas dovrebbero essere solo rinviati sulla media di gennaio, che verrà calcolata ad inizio febbraio e, se dovessero rimanere gli attuali prezzi del Ttf del mercato di Amsterdam di 80 euro, la riduzione potenziale sarebbe del 30%”.

Tabarelli osserva inoltre che “la domanda da parte di famiglie e imprese è rallentata sia per una questione climatica” viste le attuali temperature più miti rispetto alla media del periodo “e sia per risparmi dei consumi fra novembre e dicembre fra il 10 e il 15%”.

Il calo della domanda c’è stato anche in Europa, osserva Tabarelli rilevando tuttavia che “Olanda e Germania hanno accelerato nel fare altri rigassificatori, noi invece andiamo a rilento su Piombino, nonostante il pronunciamento del Tar” che ha rigettato la richiesta di sospensione. “Dobbiamo intervenire sui fondamentali – ha rilevato Tabarelli – sulle strutture”. Per conoscere le nuove tariffe dell’elettricità per il mercato tutelato valide per il primo trimestre 2023 bisognerà aspettare la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge di bilancio che dovrà confermare le risorse per azzerare gli oneri di sistema e dopo l’Arera renderà nota la variazione, attesa entro il 29 dicembre. Quanto al gas, le nuove tariffe del mercato tutelato sono attese il 3 gennaio 2023.

energia, Nomisma, prezzo bollette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741