Skip to main content

Firenze, cani avvelenati: al via la bonifica del parco dell’Isolotto con unità cinofila

FIRENZE – Questa mattina, 7 gennaio 2023, è stato eseguito il primo intervento di bonifica nel parco di San Bartolo a Cintoia dai carabinieri forestali del gruppo di Firenze, insieme all’unità cinofila antiveleno di Follonica (Grosseto) e al reparto ambientale della polizia municipale fiorentina, per il sospetto avvelenamento di cani. Per il momento non sono stati trovati bocconi avvelenati o esche pericolose.

Il sopralluogo è andato avanti per quasi tre ore in un’area di quasi 4 ettari, adiacente il palazzo Wanny, impiegando due cani – un labrador e un pastore tedesco malinois – specializzati nel ritrovamento di esche pericolose.

I controlli saranno ripetuti nei prossimi giorni con l’ausilio di un’unità cinofila di Chiusi della Verna (Arezzo). Al momento, una sola denuncia è stata presentata ai carabinieri per la morte di un cane, avvenuta il 31 dicembre. Una signora ha segnalato che passeggiava con il suo labrador, Zoe e quando sono arrivati all’altezza degli orti sociali, in via delle Isole, l’animale si è accasciato a terra in preda ad attacchi epilettici e dopo dieci minuti è deceduto.

Le indagini della polizia municipale, che aveva avviato i primi accertamenti, e dei carabinieri forestali andranno avanti a tappeto nei prossimi giorni.

cani avvelenati firenze, carabinieri forestali, pala wanny, parco san bartolo a cintoia, unità cinofila antiveleno follonica


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741