Skip to main content

Giorgia Meloni da Stoccolma a Berlino: intese su migranti, Ucraina e sicurezza in Europa

BERLINO – “Cara Giorgia la tua visita qui dimostra che Italia e Germania sono partner stretti nell’Europa e nell’Alleanza atlantica”. Così il cancelliere tedesco Olaf Scholz a Giorgia Meloni, oggi 3 febbraio 2023, durante la riunione bilaterale Germania-Italia. La Meloni, in mattinata, aveva incontrato il premier svedese Ulf Kristersson.  Attenzione sulla rotta Mediterranea e difesa dei confini esterni per quanto riguarda l’immigrazione; flessibilità e fondo sovrano in merito ai temi economici. Sono i punti dell’incontro a Stoccolma con il premier svedese Kristersson in vista del primo Consiglio Europeo della presidenza svedese. La premier ha quindi lasciato la Svezia per raggiungere Berlino, dove ha incontrato il Cancelliere tedesco Olaf Scholz.

Sulla migrazione sono convinto che sia una sfida che possiamo superare in Europa solo assieme. È importante che ci adoperiamo per un sistema comune di asilo sulla base dei nostri valori della democrazia e dei diritti dell’uomo, con un giusto equilibrio fra responsabilità e solidarietà”. Lo ha detto Olaf Scholz a Berlino con la premier Giorgia Meloni. “Chi non ha diritto deve poter tornare al proprio paese di origine. Deve anche esser chiaro che ci devono essere vie legali per entrare nell’Ue perché abbiamo bisogno di forza lavoro in Europa”. “Vedo una intesa in politica estera e della sicurezza”. Ha detto Scholz . “Italia e Germania sostengono l’Ucraina nella difesa contro l’aggressione della Russia e siamo determinati e compatti con gli Stati Nato nell’appoggiare l’Ucraina”.

Meloni:  cooperazione Roma- Berlino fondamentale per Ue. “Siamo due nazioni legate da un rapporto bilaterale esteso a quasi tutti i settori, un partenariato con una forte interconnessione economica, due economie complementari. La nostra cooperazione è fondamentale per soluzioni europee su temi complessi in questi tempi, penso al prossimo Consiglio europeo su Ucraina e la competitività del sistema economico europeo”. Lo afferma la premier Giorgia Meloni a Berlino, a fianco del Cancelliere tedesco Olaf Scholz. Per la competitività “per noi una soluzione è una piena flessibilità dei fondi” Ue “già stanziati, una flessibilità che consenta di usare le risorse per affontare le grandi sfide. L’Italia è fortemente impegnata sul tema della sicurezza energetica, abbiamo lavorato alla dversificazione, dopo l’invasione dell’Ucraina, abbiamo fatto un ottimo lavoro, che intendiamo portare avanti”.

“Siamo consapevoli della vitalità del rapporto transatlantico, tra di noi c’è una forte interconnessione sul fronte imprenditoriale. Oggi è l’inizio di un lavoro che sarà molto lungo”.  “Il Pnrr può essere meglio indirizzato, su alcune parti, per le priorità che abbiamo adesso”.  “Noi assumiamo anche l’ipotesi di un fondo sovrano alimentato dal debito comune, sappiamo che ci sono posizioni diverse, ma c’è anche il tema della tempistica, qualsiasi iniziativa necessita di tempo e la risposta deve arrivare subito”.L’Italia sta lavorando “per rafforzare la sua capacità di avere un ruolo di hub dell’energia per sè e per l’Europa. L’obiettivo è quello di fornire il gas naturale ma anche l’idrogeno verde. Data l’interconnessione energetica è un lavoro che facciamo in un’ottica europea”. “C’è una forte sintonia tra Italia e Germania” che hanno lavorato per sostenere “l’autodifesa di Kiev” e “continueremo a farlo finche quando sarà necessario”.

berlino, Giorgia Meloni, Olaf Scholz, Stoccolma


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741