Skip to main content

Prato: al Teatro Metastasio «Cyrano de Bergerac», nella riscrittura di Arturo Cirillo

Cyrano de Bergerac (Arturo Cirillo e Giacomo Vigentini, foto di Tommaso Le Pera)

FIRENZE – Da giovedì 13 a domenica 16 aprile al Teatro Metastasio di Prato arriva il Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand adattato e diretto dal regista e attore Arturo Cirillo (feriali 20.45, sabato 19.30, domenica 16.30). Questo riallestimento del classico di Rostand fa appello al ricordo del musical di Domenico Modugno e Caterine Spaak visto da Cirillo a Napoli da bambino, ma non è una sua riproposizione quanto una riscrittura contaminata per “similitudini tra nasi” con il Pinocchio di Collodi e quello di Carmelo Bene, e virata verso il Teatro Canzone con musiche da Edith Piaf a Fiorenzo Carpi, autore della colonna sonora del Pinocchio televisivo di Luigi Comencini. In uno sfavillante carosello di mantelli, piume, cappelli a cilindro e paillettes, è il teatro canzone a raccontare con parole e note la famigerata storia del poeta e cavaliere dal naso lungo e sgraziato: Cyrano ama perdutamente la cugina Rossana, ma non è ricambiato a causa del proprio ingombrante naso. Rossana, da parte sua, è innamorata di Cristiano, bello d’aspetto ma oratore poco facondo, al quale Cyrano offre i propri versi per impressionare la donna, che infine sposerà. Parole, poesia e musica esaltano il ritratto del nasuto guascone in una forma più visionaria, ben oltre il canone dell’uomo di spada ed eroe della retorica: il poeta spadaccino di Rostand abbandona le sue malinconie per diventare un performer, capace di riconoscersi fino in fondo solo sul palco.

“Questo Cyrano è una madaleine proustiana, un viaggio nella memoria di un amore impossibile… Del capolavoro a smuovermi il cuore sono, ieri come oggi, le pieghe sentimental-esistenziali più che l’aspetto eroico. La spada del mio Cyrano è il naso, ad appassionarmi è la storia di un uomo infelice che per un attimo si illude, attraverso un corpo “terzo” di poter vivere un amore corrisposto».

Lo spettacolo è interpretato dallo stesso Cirillo e da (in ordine alfabetico) Rosario Giglio, Francesco Petruzzelli, Valentina Picello, Giulia Trippetta, Giacomo Vigentini; le scene sono di Dario Gessati, i costumi di Gianluca Falaschi, le luci di Paolo Manti, musica originale e rielaborazioni di Federico Odling.

Biglietti: da 15 a 18 euro – tutte le info su www.metastasio.it

Cyrano de Bergerac, musical, teatro canzone, Teatro Metastasio di Prato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741