Skip to main content

Week end 27-28 maggio a Firenze e in Toscana: spettacoli ed eventi

Panorama Firenze (Foto FirenzePost)

FIRENZE – Non mancano spettacoli ed eventi a Firenze e in Toscana anche in questo week-end di tarda primavera, fra stagioni invernali che chiudono e spazi estivi che aprono.

Sabato 27 per Firenze è una ricorrenza triste; saranno 30 anni esatti dall’attentato di via dei Georgofili, che all’1.30 della notte spezzò 5 giovani vite; fino a domenica 28 vicino al luogo dell’attentato, nel piazzale degli Uffizi, saranno esposti i resti della Quarto Savona Quindici, l’auto in cui nel 1992 persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, in un altro attentato di mafia. Per le celebrazioni del trentesimo anniversario della strage di Firenze al Palazzo di Giustizia ci sarà anche il Presidente della Repubblica.

Sabato 27 alle 21 e domenica 28 alle 16 dirige Il Giardino dei ciliegi di Anton Čechov in prima nazionale al Teatro della Pergola (via della Pergola 30), Saloncino ‘Paolo Poli’, nell’adattamento drammaturgico di Stefano Geraci, con un gruppo di giovani attrici e attori del Teatro della Toscana, che produce lo spettacolo; in scena, in uno spazio pieno di petali bianchi, Maddalena Amorini, Davide Arena, Maria Casamonti, Davide Diamanti, Ghennadi Gidari, Annalisa Limardi, Alberto Macherelli Bianchini, Claudia Ludovica Marino, Luca Pedron, Marco Santi, Nadia Saragoni, Sebastiano Spada, Emanuele Taddei. Lo spettacolo è l’ultimo della Stagione 2022-2023. Durata: 2h, atto unico. Biglietti da 8 a 17 euro; online su teatrodellatoscana.vivaticket.it (con piccolo sconto) e telefonicamente chiamando il servizio cortesia al numero 055.0763333 da lunedì al sabato dalle 10 alle 20.

Decameron itinerante a Villa il Palmerino per trenta spettatori. Nell’ambito di “Risonanze Metropolitane”, il festival di eventi site-specific a cura di Teatro Solare, domenica 28 alle 17, alle 19 e alle 21, nel Giardino di Villa il Palmerino a Firenze (via del Palmerino 10) va in scena Il Sole di Primavera. Lo spettacolo nasce da un’idea di Ludovico Fededegni, vincitore del premio Ubu 2022 under 35 e grande appassionato di Boccaccio, che propone un viaggio tra una selezione di nove novelle del Decameron realizzate con gli attori della compagnia Teatro Solare insieme ai partecipanti del laboratorio Le Domeniche del Generale. Biglietti 20 euro – 10 euro under 18 (Il prezzo del biglietto comprende anche un apertivo alla fine dello spettacolo). Prenotazione obbligatoria su www.teatrosolare.it/risonanze

Sabato 27 alle 21 presso la Sala del Buonomore al Conservatorio Cherubini di Firenze (piazza delle Belle Arti 2) Sandro Laffranchini, primo violoncello al Teatro Alla Scala di Milano, e il direttore d’orchestra tedesco Marc Niemann, sono i protagonisti del concerto conclusivo della stagione musicale “Rifrazioni” dell’Orchestra la Filharmonie – giovane complesso strumentale guidato dal direttore musicale Nima Keshavarzi da anni operativo a Firenze e in Toscana; il brano iniziale dà il titolo al concerto: “Foresta di fiori” di Mauro Montalbetti per violoncello e orchestra. A seguire le Variazioni rococò per violoncello e orchestra di P. I. Tchaikovskij e a concludere la Sinfonia n. 4 op. 60 di L. V. Beethoven (ingresso 5/10/12€, prevendite su Eventbrite, info su www.lafilharmonie.com).

Voce, fischio e pianoforte da Mozart a Lucio Dalla e dall’Italia al Canada con Tommaso Novi, storico membro della formazione Gatti Mézzi: è “Fischio la musica della mia vita”, nuovo progetto dell’artista primo docente di Fischio Musicale in Europa e collaboratore tra gli altri di Paolo Fresu e del Premio Oscar Nicola Piovani che sabato 27 alle 19 al PARC – Performing Arts Research Centre (Piazzale delle Cascine 4/5/7). Un percorso attraverso la musica che lo ha formato e ispirato – da brani di repertorio classico fino alla canzone italiana, tutto rielaborato attraverso lo strumento del fischio, da sempre suo marchio di fabbrica. Sul palco con Novi due giovanissime e talentuose musiciste dal Canada, la bassista Melissa Doucet e la batterista Christina Beaudy-Cardenas, per una coproduzione targata Toscana Produzione Musica (TPM) e Salty Music che a ottobre attraverserà l’oceano per volare in Quèbec nell’ambito del programma di internazionalizzazione Migrazioni Sonore, che da più di 10 anni Salty Music porta avanti, con una master class all’ Università di Montréal e un cartellone di date nei teatri della città a cura di Productions Casa Nostra di Marco Calliari.

Domenica 28 alle 10.30, nell’Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale di Careggi (Largo Brambilla 3, ingresso libero), A.Gi.Mus. Firenze ospita in concerto il Gate Duo, tra i gruppi vincitori di Attraverso i Suoni 2023. Formato da Simone Bellagamba al sassofono e William Belpassi al pianoforte, il duo eseguirà musiche di Eychenne, Brotons, Fitkin.

A San Salvi città aperta, Via di San Salvi 12, Padiglione 16, nell’anno del centenario della nascita di don Lorenzo Milani, i Chille de la balanza propongono a San Salvi, e non solo, il progetto I care. Don Milani 100, da maggio a luglio. L’anteprima del Festival estivo sarà domenica 28 maggio: ore 18 incontro con Federico Ruozzi e Sandra Gesualdi Da San Donato a Calenzano a Barbiana. Il cammino di don Lorenzo Milani; ore 21.30 in prima assoluta lo spettacolo I care. Lettera a una professoressa;ingresso al costo simbolico di 1 €. Posti limitati. Prenotarsi per whatsapp 335 6270739 o mail info@chille.it. Programma completo del festival https://www.chille.it/i-care-don-milani-100/

A Villa Romana (via Senese 68) primo appuntamento di una serie di attivazioni del programma A House for Mending, Troubling, Repairing. La serie continuerà fino alla fine dell’anno, a scadenza mensile, e accompagnerà i borsisti 2023 fino alla fine del loro soggiorno in Villa. Per la prima iterazione, intervento di Rosalyn D’Mello sabato 27 dalle 16 alle 19.

Domenica 28 alle 10.30 visita guidata presso la Sinagoga e il Museo ebraico di Firenze (via Farini) dedicata alla “Brigata Ebraica”. Questo corpo militare, composto da donne e uomini volontari ebrei della Palestina sotto mandato britannico, risalì l’Italia da Taranto a Udine contribuendo con la sua azione alla liberazione del Paese. Con il supporto di foto, video e pannelli descrittivi, verrà approfondito il ruolo fondamentale che queste donne e questi uomini ricoprirono per la ricostruzione di Firenze e della sua comunità ebraica. Info e prenotazioni 055 290383 – firenzebraica@operalaboratori.com

Sabato 27 alle 16.30 Bruno Casini presenta il libro Tondelli e la musica alla Biblioteca Mario Luzi di Firenze (Via Ugo Schiff, 8).

Teatro e musica, cinema e giochi di ruolo, escape room, caccia al tesoro letteraria… Oltre 30 iniziative dedicate a un pubblico di tutte le età, da vivere dal tramonto a mattina inoltrata, rigorosamente a ingresso libero. Conto alla rovescia per la Notte Bianca della Biblioteca Ernesto Ragionieri di Sesto Fiorentino, da sabato 27 dalle 17 a domenica 28 alle 13, negli spazi dell’ex Manifattura Ginori, sede della biblioteca. Venti ore che vedranno sul palco, tra gli altri, gli attori Simona Arrighi, Alessandro Calonaci, Monica Bauco e Marco Bartolini con reading teatrali, la giovane cantautrice Sofya, il coro gospel Free Music Ensemble. Schegge di teatro anche con i personaggi di Molière e Shakespeare, interpretati dagli allievi di associazione Zera e Laboratorio Nove. E ancora, la biblioteca si trasformerà in milonga, in osservatorio astronomico e in sala cinematografica. A mezzanotte in punto parte la cine-maratona dedicata ai film fantasy anni ’80, mentre i fan del cinema d’essai ci sarà la rassegna di corti di “Short_Net_Italia”. Sempre a mezzanotte, l’immancabile spaghettata. E ancora, il torneo di ping pong notturno e la lezione di yoga al mattino. Record di partecipanti ai laboratori per bambini: per le ultime disponibilità consultare il sito www.bibliosestoragazzi.it/eventi. Tra le proposte per i più piccoli, la “Notte dei pupazzi” (portate alla sera vostro il pupazzo del cuore, venite a riprenderlo la mattina seguente e… vedrete cosa ha fatto durante la notte), la “Caccia al tesoro letteraria” con quiz e indovinelli tratti dai best seller dell’editoria fantasy, le letture/laboratori mattutini “Acchiappasogni”, l’“Escape room” e il suo misterioso pacco, i tornei di giochi di ruolo, la danza creativa, il set fotografico con zombie. La Notte Bianca è organizzata dalla Biblioteca Ernesto Ragionieri in collaborazione con la Società per la Biblioteca Circolante, nell’ambito di Maggio dei Libri e con la partecipazione di tante realtà culturali e artistiche del territorio. Programma completo su www.bibliosesto.it.

Sabato 27 alle 17 per la ventottesima edizione di “InCanto – Rassegna del canto di tradizione orale e di nuova espressività in Italia” dell’Istituto Ernesto de Martino a Sesto Fiorentino (Istituto Ernesto de Martino, Villa San Lorenzo al Prato – via Scardassieri, 47) presentazione del libro Le barricate e il palazzo. Pietro Nenni e il socialismo italiano nel dialogo con Gianni BosioSarà presente l’autore Valerio Strinati insieme ad Alessandro Portelli (Circolo Gianni Bosio di Roma) e a Matteo Mazzoni (direttore Istituto Storico della Resistenza in Toscana). Ingresso libero.

Domenica 28 dalle 9 alle 22, si svolge la 42^ edizione dell’Infiorata di Scarperia con i classici disegni artistici per le vie del paese. Info www.prolocoscarperia.it

Sabato 27 e domenica 28 maggio e dal 2 al 4 giugno Malmantile, frazione collinare del Comune di Lastra a Signa (FI), riassume le sembianze di un borgo del 1400, in occasione della 28° edizione della Festa Medievale. All’interno delle Mura, edificate nel XV secolo, è allestita una scenografia con oltre 150 figuranti ed è ricostruito l’ambiente caratteristico del borgo medievale; rappresentati con cura i mestieri, con artigiani impegnati nel lavorare carta, ceramica, terracotta, ferro, legno, pietra e paglia; tessitori, alchimisti, pittori e scrivani, ma anche musici e giocolieri a spasso per le vie; presso l’Hosteria o i ristori lungo il percorso, i visitatori saranno accolti da dame e cavalieri. Servizio di bus navetta dai parcheggi in prossimità del paese. Offerta minima 3 euro; https://festamedioevalemalmantile.it/

Sabato 27 e domenica 28, alle ore 18 e alle 21, nella Chiesa di San Domenico di Prato andrà in scena la prima esecuzione assoluta di The Song of the Ladder (Il canto della scala), una church opera di Hazel Gould, musicata da John Barber, prodotta da Camerata strumentale «Città di Prato» / Teatro Metastasio di Prato e realizzata in collaborazione con la Scuola Comunale di musica G. Verdi. Euro 15. Info Teatro Metastasio Tel. 0574 608501 – Camerata strumentale «Città di Prato» Tel. 0574 1838800.

Sabato 27 maggio 2023, presso il Centro per l’arte contemporanea “Luigi Pecci” di Prato si chiude la prima edizione di Centro Pecci dei Lettori, evento che nasce dall’incontro tra il festival La città dei lettori e Centro Pecci Books – Voci, scritture e immagini del contemporaneo. Dettagli su www.lacittadeilettori.it

All’Oasi felina La Bogaia di Prato sabato 27 dalle 10 alle 14 mattinata dedicata alle adozioni: tanti bellissimi gattini aspettano chi li voglia accudire per sempre.

Una mostra mercato dedicata alla ceramica d’autore con oltre 40 artisti provenienti da tutta Italia con pezzi di artigianato unici, laboratori didattici per grandi e piccini, presentazioni di libri: sabato 27 e domenica 28 dalle 9 alle 20, in piazza del Giglio a Lucca arriva la V edizione di Lucca Pottery Festival, due giorni dedicata al mondo della ceramica. In programma anche un’asta di beneficenza a favore di laboratori, botteghe, studi di artisti di ceramica di Faenza gravemente danneggiati dall’alluvione che ha colpito l’Emilia Romagna in queste ultime settimane. Sabato 27 alle 17 presso La Bella Lucca (Chiasso Barletti, 14) ci sarà la presentazione di due libri editi dall’ associazione  Arte della Ceramica: “Il ceramista” di Bernard Leach edito da LEF, libro “cult” per i ceramisti contemporanei tradotto in italiano e pubblicato per la prima volta in Italia proprio dall’associazione fiorentina e “Quotidiano Ceramico Sostenibile” collana Quaderni D’Ontignano, Edizione LEF, un progetto di economia circolare per la riduzione dei rifiuti nel laboratorio di ceramica. I libri saranno presentati da Sandra Pelli e Stefano Giusti, rispettivamente segretaria dell’associazione Arte della Ceramica e presidente.

Il Concerto di Primavera, consueto evento musicale che apre alla bella stagione a Montepulciano, sarà domenica 28 alle 17.30 nella Chiesa di Sant’Agostino. Sotto la direzione di Alessio Tiezzi si riuniscono la Corale Poliziana, guidata da Judy Diodato, e l’Orchestra Poliziana; partecipano anche i bambini coinvolti nel progetto Orchestra in Classe, il percorso di didattica musicale attuato nelle scuole d’infanzia e primarie del Comune di Montepulciano. Il programma musicale si avvia con Ouverture da “Il Ratto del Serraglio”, eseguita dall’Orchestra Poliziana e dai giovani musicisti che grazie all’iniziativa pedagogica svolta dai docenti dell’Istituto di Musica Henze con il sostegno di Comune di Montepulciano, hanno potuto preparare un brano celebre e complesso come questo di Wolfang Amadè Mozart. A seguire, l’Orchestra Poliziana esegue l’Ouverture “all’italiana” in re maggiore di Franz Schubert, così intitolata per i riferimenti allo stile di Gioachino Rossini che inspirò la composizione dell’autore austriaco. La seconda parte del concerto anticipa l’evento che in Piazza Grande chiuderà il 48° Cantiere Internazionale d’Arte domenica 30 luglio, quando saranno presentate musiche di Georges Bizet ed Edward Elgar. Del compositore francese l’Orchestra Poliziana propone i movimenti Pastorale e Mirandole, tratti dalla suite n. 2 de L’Arlesienne. La Corale Poliziana si aggiunge invece per l’esecuzione delle composizioni di Edward Elgar, dapprima Spanish Serenade e infine le canzoni False Love, Lullaby e Dance, della raccolta From the Bavarian Highlands.

L’Eroica Montalcino 2023, in programma domenica 28, è sold out: la corsa con bici “storiche” ha ben 2500 partecipanti. Diversi i percorsi che si possono scegliere, dalla passeggiata di 27 km a quelli di 153; dettagli su https://eroica.cc/it/montalcino

Dal 26 al 28 maggio e dal 1 al 4 giugno c’è la festa Medievale BiancoAzzurra a Castiglion Fiorentino, provincia di Arezzo.

Aperto al pubblico il Museo di Casa Siviero (Lungarno Serristori, 1/3, senza bisogno di prenotazione: sabato ore 10-18; domenica ore 10-13; lunedì ore 10-13; negli altri giorni solo piccoli gruppi su prenotazione).

Aperta la Fondazione Franco Zeffirelli in Piazza San Firenze; Info www.fondazionefrancozeffirelli.com. Sabato alle 11 visite guidate a cura dello staff della Fondazione Zeffirelli. La guida è gratuita compresa nel costo intero del biglietto d’ingresso. Per prenotazioni https://bit.ly/3WgCYGH

La Fondazione Palazzo Strozzi fino al 18 giugno presenta Reaching for the Stars. Da Maurizio Cattelan a Lynette Yiadom-Boakye, mostra che propone una celebrazione delle stelle dell’arte di oggi attraverso oltre 70 opere dei più importanti artisti contemporanei italiani e internazionali, tra cui Maurizio Cattelan, Cindy Sherman, Damien Hirst, Lara Favaretto, William Kentridge, Berlinde De Bruyckere, Sarah Lucas, Lynette Yiadom-Boakye. Promossa e organizzata dalla Fondazione Palazzo Strozzi e Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Reaching for the Stars esplora le principali ricerche artistiche degli ultimi decenni attraverso una costellazione di opere esposte in tutti gli spazi di Palazzo Strozzi, dal Piano Nobile alla Strozzina, con una speciale nuova installazione per il cortile rinascimentale. Curata da Arturo Galansino, Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi, l’esposizione si pone come celebrazione dei trent’anni della Collezione Sandretto Re Rebaudengo, una delle più famose e prestigiose raccolte d’arte contemporanea a livello internazionale; sono presenti opere fondamentali come 1000 Names(1983)di Anish Kapoor o Love Is Great (1994) di Damien Hirst, insieme a un’ampia selezione di lavori di Maurizio Cattelan, artista centrale per un’esplorazione dell’arte italiana tra anni Novanta e Duemila, insieme, tra gli altri, a Paola Pivi o Lara Favaretto. In parallelo si snodano sezioni tematiche come quella dominata dalla celebre serie Untitled Film Still (1978-1980) di Cindy Sherman che propone una riflessione sociale e politica sul tema dell’identità in rapporto a opere di Shirin Neshat, la serigrafia Untitled (Not ugly enough) (1997) di Barbara Kruger o la scultura in materiali organici Self- Portrait (1993) di Pawel Althamer. L’indagine sulla scultura si amplia nei grandi lavori di Andra Ursuţa, Adrián Villar Rojas, Berlinde De Bruyckere, Mark Manders, le cui pratiche investigano il corpo e la figura tra decostruzione e ricomposizione. A questa fa eco la perlustrazione della ricerca pittorica attraverso dipinti di artisti come Lynette Yiadom-Boakye, Sanya Kantarovsky, Michael Armitage, Cecily Brown, Avery Singer, testimoniando la perdurante vitalità di questo medium, tra figurazione e astrazione, soprattutto nelle generazioni più giovani. Completa il percorso un’ampia sezione dedicata alla Video arte con opere manifesto di artisti quali William Kentridge, presente con History of Main Complaint (1996), Douglas Gordon e Philippe Parreno, con la celebre videoinstallazione Zidane. A 21st Century Portrait (2005) e Ragnar Kjartansson con The End – Rocky Mountains (2009).

In occasione dell’undicesimo appuntamento de Il Tavolo dell’Architetto, – la rassegna che vede protagonisti celebri architetti e studi di fama internazionale nel loggiato al piano terra delle ex Leopoldine – il Museo Novecento (Piazza Santa Maria Novella) ospita la mostra Ipostudio Architetti. Era di Maggio (dal 13 maggio all’11 ottobre 2023). Il progetto espositivo, a cura di Laura Andreini, celebra i quarant’anni di attività dello studio fiorentino guidato da Carlo Terpolilli e presenta una serie di progetti, frutto di concorsi di architettura a volte vinti a volte persi, che bene esemplificano la visione creativa di questa bottega artigianale dell’architettura.             

Dal 5 aprile al 4 settembre 2023 il Museo Nazionale del Bargello (via del Proconsolo) ospita in mostra il San Giovanni Battista di Lorenzo Ghiberti, l’Incredulità di san Tommaso di Andrea del Verrocchio e il San Luca del Giambologna, provenienti dal Museo di Orsanmichele.

Palazzo Medici Riccardi dedica una grande mostra al pittore napoletano Luca Giordano (1634-1705), che, fra gli artisti più virtuosi e prolifici del Barocco italiano, lasciò a Firenze, all’interno proprio di Palazzo Medici Riccardi, splendide testimonianze del suo operato. Si tratta delle due volte dipinte per la Galleria degli Specchi e per la Biblioteca Riccardiana. Il palazzo, prima grande residenza dei Medici, simbolo del potere di famiglia e del Banco Mediceo, acquisita alla metà del Seicento dalla famiglia Riccardi, viene così arricchito secondo il gusto decorativo dell’epoca. In virtù di queste straordinarie opere, la Città Metropolitana di Firenze e MUS.E dedicano al pittore napoletano e al suo legame con il palazzo e con la città di Firenze la mostra “Luca Giordano. Maestro barocco a Firenze”, curata da Riccardo Lattuada, Giuseppe Scavizzi e Valentina Zucchi e organizzata con il sostegno di Business Strategies, che si terrà a Palazzo Medici Riccardi dal 30 marzo al 5 settembre 2023. In mostra una selezione di circa 50 opere alcune delle quali mai viste a Firenze prima d’oracentrata sull’attività fiorentina di Giordano, nel 1682-1683 e nel 1685-1686, profondamente connesse agli affreschi. Fra queste spiccano una serie di dieci bozzetti della Galleria degli Specchi e della volta della Biblioteca Riccardiana, di proprietà della National Gallery di Londra, che per l’occasione saranno messi in dialogo diretto con la volta. 

Un’opera importantissima del maestro di Leonardo da Vinci, Andrea del Verrocchio, concessa in deposito dagli Uffizi ad una chiesa del territorio fiorentino circa un secolo fa, torna ora agli Uffizi per una mostra speciale. Si tratta della sontuosa pala d’altare raffigurante la Sacra Conversazione con i Santi Zanobi, Francesco, Giovanni Battista e Niccolò, detta “Pala Macinghi” dal nome della famiglia per la quale fu realizzata: l’opera, appena restaurata all’Opificio delle Pietre Dure, è in mostra al secondo piano degli Uffizi, negli spazi espositivi tra la sala dedicata a Leonardo e quella di Raffaello e Michelangelo. Gallerie degli Uffizi Firenze Gli Uffizi, Sala A37 – ingresso con il biglietto del museo.

Nella reggia di Palazzo Pitti è esposta in maniera permanente la collezione di 78 icone russe, raccolta a Firenze già dai Medici e soprattutto dai Lorena nel corso del Settecento e del secolo successivo, la più antica del genere al mondo al di fuori della Russia stessa, verrà infatti per la prima volta esposta in un nuovo allestimento. Si tratta di quattro grandi sale con affreschi seicenteschi affacciate sul cortile al piano terra di Palazzo Pitti, appena restaurati. Icone dotate di didascalie descrittive in italiano, inglese e cirillico. Finora, questi ambienti della Reggia medicea non sono mai stati regolarmente aperti al pubblico. Anche la suggestiva, elegantissima Cappella Palatina, con gli affreschi ottocenteschi di Luigi Ademollo, ora interamente restaurata, è riaperta e visitabile.

Al Museo Marino Marini di Firenze (Piazza San Pancrazio) c’è la prima mostra italiana di Enrique Martínez Celaya, artista cubano ormai da anni residente negli Stati Uniti. Si intitola Guardare e aspettare. Sculture selezionate 2005-2023, è curata da Giorgio Verzotti e proseguirà fino al 29 maggioDal 5 maggio al 29 luglio, l’artista sarà, per la prima volta in Italia con le sue opere pittoriche, anche alla galleria Secci (Piazza Goldoni 2), che ospita The Sea Memory (Lost); il mare e i fiori, eterni e permanenti nella loro transitorietà, sono i soggetti dominanti dei dipinti proposti in galleria, realizzati con olio e cera su tela, che esplorano la connessione tra ciò che resta e ciò che svanisce, tra due condizioni temporali opposte: la fugacità e l’eternità; dal martedì al sabato, ore 10–13.30 e 14.30–19. www.martinezcelaya.com

Fino al 1 ottobre la Cattedrale dell’Immagine di Santo Stefano al Ponte Vecchio (ingresso via Por Santa Maria) diventa la casa della street art mondiale ospitando all’interno la mostra digitale immersiva non autorizzata dedicata al sovversivo e satirico writer britannico Banksy. Attraverso un mix di immagini, suoni e musiche, capaci di evocare immediatamente la cultura underground di Bristol, la mostra vuole far comprendere la protesta sottesa all’arte di Banksy. Dalle 10 alle 20; ultimo ingresso ore 19; biglieti da 10 a 18 euro.

La Galleria Etra Studio Tommasi ospita in Via della Pergola 57 dal 6 al 27 maggio la mostra ALBERI DI LUCE, prima personale di Luciano Sabadin, classe 1957 originario di Villastellone (TO), curata da Francesca Sacchi Tommasi e Ilaria Maria d’Urbano. Orari: mercoledì – sabato 16-19.

Scoprire la storia delle Nazionali italiane di calcio attraverso maglie, coppe e cimeli che ne fanno ripercorrere gli oltre centodieci anni di storia: tutto questo è possibile al Museo del Calcio, situato a Firenze, in zona Coverciano (ingresso da Viale Palazzeschi 20), accanto al Centro Tecnico Federale, casa degli Azzurri e delle Azzurre; aperto sette giorni su sette, con orario continuato dalle 10 alle 18. Oltre alle maglie di Piola, Facchetti, Riva, Baggio, Buffon e tanti altri campioni, i visitatori avranno la possibilità di vedere dal vivo anche la coppa originale degli Europei, conquistata dai ragazzi di Mancini nella finale di Wembley contro l’Inghilterra a Euro2020.All’interno del Museo del Calcio è presente uno shop dedicato alla partnership con adidas. Nel negozio è possibile trovare il materiale indossato dagli Azzurri e dalle Azzurre, sia da allenamento che da gara; disponibile sia in taglie da adulti che da bambini.

L’albero degli zecchini, moneta e mezzi di scambio alternativi: dalle origini a un futuro da comprendere è il titolo della mostra che verrà inaugurata al Palazzo Pretorio di Prato, nelle sale del Monte dei Pegni, domenica 14 alle 19,15 (fino al 19 novembre). Curata da Angela Orlandi, mette insieme alcune collezioni di prestigio (Banca d’Italia, Collezione Bernocchi, Archivio Datini)  per una mostra che è la prima del suo genere in Italia: raccontare l’evoluzione del denaro nella storia, dal baratto alle carte di credito passando per mezzi di scambio, monete e molte altre forme alternative al denaro come lo conosciamo noi.

Lucca celebra il grande artista Lorenzo Viani con una mostra nella chiesa di San Franceschetto dal titolo “La chiesa, i borghesi, il popolo. Il Sant’Andrea di Lorenzo Viani” aperta fino al 28 maggio, visitabile durante i week-end.

Che la festa cominci… alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lorenzo Viani” di Viareggio è prorogata fino a domenica 11 giugno 2023. La grande mostra è stata realizzata per celebrare i 150 anni del Carnevale di Viareggio, un evento molto amato dal pubblico e conosciuto in tutto il mondo. È a cura di Roberta Martinelli, direttrice del Museo del Carnevale, ed è stata voluta dalla Fondazione Carnevale di Viareggio e dal Comune di Viareggio; il costo del biglietto d’ingresso è ridotto da 8 a 4 euro.

Al Palazzo Mediceo di Seravezza (LU) fino al 16 luglio c’è la mostra Ritorno agli Ottanta, promossa dalla Fondazione Terre Medicee, a cura di Francesco Ristori.

Biblioteca Ragionieri, Camerata Strumentale Città di Prato, Centro Pecci dei Lettori, Chille de la Balanza, decamerone, Festa medievale di Malmantile, festival InCanto, Firenze, infiorata, Infiorata di Scarperia, Lucca Pottery Festival, mostre, notte bianca, Orchestra la Filharmonie, san salvi, Teatro della Pergola di Firenze, Toscana, Villa il Palmerino, week end

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741