Skip to main content

Bambina scomparsa: Kata venne rapita e portata via dall’ex albergo. Dove non è rimasta nessuna traccia

La madre di Kata e la bambina scomparsa a Firenze (Foto d’archivio)

FIRENZE – Non c’è traccia della piccola Kata, 5 anni, nell’ex albergo Astor di Firenze, dove viveva con la sua famiglia. Le perlustrazioni e le perquisizioni di polizia e carabinieri, compresi quelli del Ros, che hanno frugato in ogni anfratto dell’albergo, escludono ogni possibilità legata alla presenza della bambina. C’è anche l’ipotesi che Kata sia stata rapita per sbaglio, ma anche qui nessuno può escludere nulla.

Dunque, nelle indagini sulla scomparsa di Kata, che manca da sabato 10 giugno, certezze ce ne sono poche. Una però esiste: non è nell’albergo. La maxi ispezione dei carabinieri, svolta con le più sofisticate tecnologie, fa escludere che il suo corpo possa trovarsi lì.

Gli inquirenti, dunque, si concentrano sulla via di fuga usata da chi ha portato via la bambina di cinque anni dall’edificio. Le telecamere escludono che Kata sia uscita dal cancello che affaccia su via Boccherini, ma adesso i carabinieri hanno ampliato la ricerche in tutta la zona, in cerca di una traccia utile a scoprire chi ha preso la piccola.

In questi giorni, sono proseguite le audizioni degli ex occupanti dell’Astor e in particolare dei familiari della piccola. Il padre, Miguel Angel Romero Chicclo, ieri si è presentato spontaneamente dal pm titolare dell’inchiesta, Christine Von Borries, per riferirgli elementi da lui ritenuti utili alle indagini. Oggi, i genitori tornano nell’albergo sgomberato sabato per accompagnare il loro consulente, l’ex Ris Luciano Garofano, nel sopralluogo della struttura. L’ipotesi privilegiata dalla procura è quella di una vendetta nell’ambito del racket degli affitti in vigore nell’albergo occupato dallo scorso settembre. Ma le ipotesi restano tutte aperte. Sono poi attese le valutazioni dell’ex comandante dei Ris dei carabinieri, consulente della famiglia, Luciano Garofano, che effettuerà un sopralluogo dentro l’Astor. Al sopralluogo parteciperanno anche i genitori della bambina, accompagnati dai legali Filippo Zanasi e Sharon Matteoni.

carabinieri, Kata, perquisizioni


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741