Skip to main content

Il progetto del VocaBO: la lingua di Boccaccio diventa digitale

Giovanni Boccaccio
Giovanni Boccaccio

FIRENZE – La lingua di Giovanni Boccaccio, grande autore del Trecento, padre della lingua e della letteratura italiana insieme a Dante e Petrarca, diventa digitale col progetto del “VocaBO”, vocabolario online che vede come punto di partenza la sua opera più famosa, il Decameron, la prima grande opera in prosa della lingua e della letteratura italiana, modello per secoli di tutta la narrativa europea e fondamento della nostra tradizione, ed è promossa dall’Ente nazionale Giovanni Boccaccio insieme all’Università per stranieri di Siena in collaborazione con l’ Istituto di linguistica Computazionale del CNR – ILC “Antonio Zampolli” di Pisa e l’Accademia della Crusca.

Un lavoro immenso, in cui le parole del Decameron vengono studiate una ad una: sono oltre 6.500 i lemmi del Decameron, incluse le parole grammaticali. Al centro di questa grande piattaforma di studi anche un confronto con la tradizione del Trecento (Dante, Petrarca, e non solo), per misurare l’originalità dell’espressione di Boccaccio. Il progetto, iniziato alla fine del 2022, è diretto dalla presidente dell’Ente Boccaccio Giovanna Frosini, caporedattrice è Veronica Ricotta, mentre le ricercatrici sono al momento Claudia Palmieri, assegnista, ed Ester Baldi, dottoranda; referente per il CNR-ILC è Cosimo Burgassi. Un grande impegno, che si spera possa incrementarsi con nuovi ricercatori e nuove risorse, e che offrirà risultati significativi già nel 2025: un modo importante di celebrare il 650° anniversario della morte di Boccaccio, che la Toscana si accinge a celebrare.

Ineguagliabile narratore e innovatore della scrittura letteraria, Boccaccio è sempre più “social” e sempre più aggiornato: dopo essere stato protagonista di podcast con alcune novelle del Decameron su Spotify, adesso affronta un nuovo strumento di ricerca digitale, di comunicazione e di promozione a vantaggio della cultura italiana e a beneficio di studenti, studiosi e appassionati. Il progetto è stato presentato a Firenze alla presenza del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, del senatore della Repubblica Dario Parrini, della presidente dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio Giovanna Frosini, del consigliere regionale Enrico Sostegni e del sindaco di Certaldo Giacomo Cucini.

“È nata in Toscana la grande prosa italiana, una ricchezza culturale da custodire e valorizzare, come testimonia l’attività di ricerca e studio di una istituzione prestigiosa come l’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio – ha dichiarato il senatore Dario Parrini – . Poter condividere e mettere a disposizione di tutti questa conoscenza, attraverso strumenti innovativi e digitali, contribuisce alla crescita, allo sviluppo culturale e alla diffusione della lingua italiana nel mondo. Il “ VocaBO” infatti non promuove soltanto la letteratura italiana ma il nostro inestimabile patrimonio. Proprio in questa ottica di divulgazione presenteremo il progetto anche a Palazzo Madama, in sala stampa, la prossima settimana”.

“Il progetto del VocaBO – ha sottolineato la presidente dell’Ente Boccaccio Giovanna Frosini – si qualifica come un progetto strategico dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio verso il centenario del 2025, e altri lo accompagneranno. Iniziato ancora sotto la presidenza di Stefano Zamponi, che lungamente ha guidato l’Ente con determinazione ed efficacia, si propone di potenziare il fronte della ricerca digitale, e di sostenere i giovani studiosi. Il “VocaBO” riconosce in Boccaccio il padre della prosa italiana, modello per tutta l’Europa, e ne indaga per la prima volta in modo sistematico il lessico e la lingua, inoltre può tenere conto della parte autografa del poeta, qualificando il “VocaBO” come un vero e proprio vocabolario d’autore”.

“Grazie a questo interessante progetto, sarà possibile approfondire la conoscenza della lingua di Boccaccio e delle sue opere, rendendole accessibili a un pubblico più ampio e moderno, ha detto il consigliere regionale Enrico Sostegni. Sono convinto che il progetto VocaBO rappresenti un importante passo avanti nella valorizzazione del patrimonio culturale italiano e nella promozione della lingua e della letteratura italiana e Toscana nel mondo”.

“L’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio è ormai da anni riconosciuto come un’eccellenza da tutti gli enti istituzionali, dalla Regione Toscana al Ministero della Cultura. Questo è il frutto di una qualità di lavoro indiscussa nell’accrescimento degli studi scientifici legati a Giovanni Boccaccio, quindi alle sue opere letterarie, ma anche dalla volontà di includere giovani studiosi e di avvicinare un pubblico non addetto ai lavori. Questo l’ha fatto con la “Scuola estiva” in partenza da domani, sostenendo le letture dell’Oranona Teatro, collaborando a incontri con registi, autori e spettacoli di teatro e lo fa anche con il “VocaBO” che da oggi prende forma”, così il sindaco di Certaldo Giacomo Cucini.

La presentazione del “VocaBo” avverrà anche durante la “Scuola estiva”, in programma da martedì 27 giugno e fino a venerdì 30 giugno a Certaldo, rivolta a giovani studiosi e dedicata all’opera di Boccaccio, tra le più accreditate a livello nazionale ed internazionale, che vede la partecipazione, tra i candidati ammessi, di uno studioso americano proveniente dall’ Università di Harvard, Cambridge (Massachusetts), e di una studiosa giapponese dell’Università di Kyoto. La “Scuola estiva” prevede anche eventi speciali aperti a tutti, proprio nell’ottica di divulgare e valorizzare la figura di Boccaccio. Ai fini della sua missione, l’Ente Boccaccio porta avanti un’intensa attività di ricerca scientifica, in collaborazione con Università e Istituzioni italiane ed estere, come la Scuola estiva e il Seminario internazionale per giovani ricercatori Intorno a Boccaccio/Boccaccio e dintorni, nonché il Premio Tesi per tesi di Laurea e di Dottorato; rientra nelle finalità dell’Ente anche una importante attività didattica con le scuole del territorio, per divulgare la figura di Boccaccio attraverso molteplici iniziative. Tra queste, merita anticipare il progetto per la realizzazione di una audioguida “Casa Boccaccio 2.0” da parte delle classi II della scuola media di Certaldo, che sarà presentato in autunno. Un programma molto nutrito, dunque, che ha al suo centro Casa Boccaccio, che ospita non solo lezioni e seminari, ma anche la lettura pubblica delle Novelle del Boccaccio – un’attività che ha compiuto 18 anni – laboratori e visite guidate, che si concluderà a dicembre con l’evento di commemorazione dell’anniversario della morte di Giovanni Boccaccio (21 dicembre 1375).

L’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio (ENGB), con sede in Casa Boccaccio a Certaldo, svolge la propria attività istituzionale operando in vari campi degli studi su Boccaccio, organizzando manifestazioni culturali di vario tipo (mostre, convegni, conferenze) e promuovendo ricerche scientifiche anche in collaborazione con altri istituti e centri di ricerca, italiani e stranieri. Arricchisce, inoltre, la biblioteca, sita nella casa museo dello scrittore certaldese, con edizioni di opere di Boccaccio e studi critici sull’autore.www.enteboccaccio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741