Skip to main content

Firenze: Teatro Studio Krypton presenta Bodyscaping/Architetture Dinamiche. Ingresso libero

Bodyscaping

FIRENZE – Teatro Studio Krypton presenta, a ingresso libero tra Firenze e Scandicci, Bodyscaping / Architetture Dinamiche per il Corpo, una performance ideata ed interpretata da Massimo Bevilacqua. Suono, sistemi interattivi e live electronics sono a cura dei giovani musicisti Piero Bindi, Irene Fortunato, Lorenzo Milani e Simone Pistolesi; la prima va in scena a Villa Favard, Via di Rocca Tedalda, 451 martedì 11 luglio alle 21.15. È un lavoro che mixa performance, videoinstallazione e sound design, in cui Massimo Bevilacqua sperimenta l’utilizzo di tecnologie interattive per creare una partitura drammaturgica in cui il corpo agisce per rileggere paesaggi urbani e naturali. Partendo da una riflessione sulla radice etimologica comune tra le parole “abito” e “abitare”, Bevilacqua si sofferma sulle abitudini e l’identità che la nostra “seconda pelle” comunica attraverso il suo linguaggio e come attraverso questa il nostro essere occupi gli spazi che abitiamo. Il performer indossa un abito/scultura la cui superficie è esaltata dalla dinamicità delle elaborazioni visuali e, grazie ai sensori di movimento, attiva paesaggi sonori e narrazioni simboliche inusitate. Il corpo con la sua sovrastruttura si espande e si contrae grazie alle sollecitazioni percettive di suono, luce e immagine, dando vita ad un’architettura mutevole e in movimento. Il progetto sonoro e gli apparati tecnico-interattivi sono realizzati grazie alla collaborazione del Conservatorio Luigi Cherubini che ha permesso di coinvolgere quattro giovani musicisti del corso di Musiche Elettroniche e Nuove Tecnologie.

BODYSCAPING/Architetture Dinamiche per il Corpo si configura come un live electronics in cui il corpo del performer diventa strumento in dialogo con gli esecutori e si sviluppa in 8 quadri. In ciascun quadro le composizioni musicali percorrono un ambiente, un paesaggio specifico della città e della natura, quei luoghi del vivere quotidiano in cui l’umanità si riversa generando di volta in volta traiettorie e ritmi codificabili. Ecco allora che in un viaggio immaginario in cui il corpo rimane in un punto fermo, si alternano l’attraversamento caotico del traffico urbano, la quiete momentanea di un parco cittadino, i ritmi cadenzati e assordanti di un paesaggio industriale, il movimento oscillatorio e ipnotico di un paesaggio marino, la frenesia e l’attesa di un aeroporto o di una ferrovia, l’atmosfera caleidoscopica e abbacinante di un lunapark, la pace e l’irrequietezza di un paesaggio notturno.

Venerdì 14 luglio alle 18.30 al Rifugio Digitale, Via della Fornace, va in scena la replica della performance, a cui si aggiunge una video installazione di Massimo Bevilacqua ed Alessio Bianciardi, pensata per i 16 schermi del nuovo spazio espositivo fiorentino, nato dalle fondamenta di un antico tunnel antiaereo. La video installazione è generata attraverso quella che nella fotografia analogica viene definita tecnica della “doppia esposizione”.  Il corpo in movimento diventa luogo che abbraccia il paesaggio e si confonde con esso dandogli nuove forme e nuovi ritmi. Visitabile fino al 16 luglio

Per Open City 2023 sabato 18 luglio BODYSCAPING/Architetture Dinamiche per il Corpo migra al Castello dell’Acciaiolo di Scandicci, dove viene presentato nella sala conferenze dalle 20 alle 21. All’esterno nel pomario Margherita Landi e Agnese Lanza coinvolgono il pubblico con l’opera VR Peaceful places, dalle 19,30 alle 21,30. Peaceful places è un’installazione partecipativa e inclusiva grazie a un uso della Realtà Virtuale diverso dal consueto, capace di ridefinire il rapporto tra pubblico e performer: una performance (dentro il visore) genera una performance (quella dei fruitori) che mostra gesti umani, naturali eppure profondamente sentiti. Un’esperienza di vicinanza, grazie a coppie reali e ai loro corpi e allo stesso tempo un’esperienza di assenza, di solitudine, perché il tocco e l’interazione sono solo immaginati.

Bodyscaping  è parte del progetto Migrazioni digitali di Teatro Studio Krypton che mette in connessione, attraverso un format stratificato che fornisce elementi di conoscenza esperienziale e di partecipazione sinergica, due modelli culturali e creativi diversi ma potenzialmente complementari: l’arte performativa che si affida al corpo e alla sua capacità di agire in uno spazio fisico e l’arte digitale che punta a ricreare un livello emozionale e sensoriale attraverso strumenti tecnologici apparentemente freddi e inespressivi. Migrazioni digitali include, oltre a BodyScaping/Architetture Dinamiche per il Corpo, la performance Vr Peaceful Places e la videoinstallazione di Massimo Bevilacqua e Alessio Bianciardi per Il Rifugio Digitale.

Tutti gli eventi sono ad ingresso libero

I luoghi e gli orari di Migrazioni digitali

Villa Favard Via di Rocca Tedalda, 451, Firenze ore 21,15

Rifugio Digitale, Via della Fornace, 41 Firenze

Inaugurazione 14 luglio ore 18,30 Videoinstallazione visitabile 15 e 16 luglio dalle ore 11 alle ore 20

Castello dell’Acciaiolo Via Pantin, 63 Scandicci dalle 19,30 alle 21,30

Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, danza, estate fiorentina, Firenze, Migrazioni digitali, performance, scandicci, Scandicci open city, Teatro Studio Krypton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741