Skip to main content
Palazzo Montecitorio

Israele: il Parlamento italiano non riesce a votare un documento unitario. E le opposizioni si spaccano anche fra loro

Palazzo Montecitorio
Palazzo Montecitorio

ROMA – Il Parlamento italiano ha arzigogolato 4 diverse risoluzioni alla Camera e 3 mozioni al Senato sull’aggressione di Hamas a Israele. Giorgia Meloni aveva chiesto ai suoi di cercare la massima convergenza. Di dare un segnale di compattezza da parte del Parlamento davanti a quello che, in una visita a sorpresa alla sinagoga di Roma, ha definito come una “dimostrazione di odio verso un’intero popolo”.

Invece niente: dopo una notte e un giorno di trattative, maggioranza e opposizioni non riescono a percorrere la via del documento unitario su Israele. Le opposizioni si spaccano anche fra loro. Una debacle. Perchè alla fine passano 4 diverse risoluzioni alla Camera – e 3 mozioni al Senato – con voti favorevoli incrociati, che permettono a ciascuno di sfilarsi dai punti più delicati.

La maggioranza chiede lo stop ai fondi ad Hamas e di “sviluppare una azione diplomatica” per evitare una “escalation”. Iv-Az e +Europa ne presentano di loro. La sinistra di Avs si astiene da tutte tranne quella controfirmata con Pd e M5s, che viene votata per parti separate.

La maggioranza non vuole sottoscrivere che le responsabilità che hanno mandato in frantumi negli anni il processo di pace vadano addebitate non solo ad Hamas, che riceve la condanna dem “senza se e senza ma”, ma anche al governo di Benjamin Netanyhau.

Resta un’ora alla sinagoga, dando forfait all’evento per i 70 anni dell’Eni che pure rimane centrale nella strategia dei parternariati “alla pari” con l’Africa e in quella per la diversificazione degli approvvigionamenti energetici, che oggi tornano in discussione. Non c’è “preoccupazione” per le forniture di gas, almeno per il momento, rassicura Palazzo Chigi.

Ma bisogna muoversi il più possibile uniti di fronte a una minaccia che può arrivare fino “al nostro territorio” per “il rischio di emulazione degli atti criminali da parte di Hamas”, avverte la premier, garantendo alla comunità ebraica che sarà difesa “da ogni forma di antisemitismo”, che la protezione sarà “intensificata” e che bisogna “difendere il diritto di Israele a difendersi”.

Un concetto che torna nelle varie risoluzioni approvate dal Parlamento. Che fanno riferimento anche, come fa nelle sue comunicazioni il ministro Antonio Tajani, alla soluzione dei “due popoli, due Stati” che resta, dice il titolare degli Esteri, “la sola via per la pace. Bisogna “isolare Hamas” dice convinta la segretaria del Pd Elly Schlein. Ma non si può non tenere conto, la posizione M5S, che l’assedio di Gaza, come ha ricordato l’Onu, “viola il diritto internazionale umanitario”.

camera, israele, opposizioni, Parlamento italiano, Senato


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze PostScrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741