Skip to main content

Emergenza a Prato: il torrente Bagnolo rompe l’argine a Sant’Ippolito. Giani: “Salire ai piani alti”


FIRENZE – Nuova emergenza per il maltempo a Prato questa sera, 10 novembre 2023. Il torrente Bagnolo ha rotto l’argine e ha esondato poco dopo le 21 alla periferia ovest di Prato, zona Sant’Ippolito. Sono in corso evacuazioni. A darne notizia sul suo profilo Twitter il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani: “L’intensità delle piogge sulla zona pratese ha determinato nuovamente in un tratto del torrente Bagnolo la tracimazione di acque sull’argine. Occorre quindi nella zona usare misure precauzionali e quindi evitare movimenti in auto e tantomeno a piedi e recarsi ai piani più alti”.

Il sindaco Matteo Biffoni scrive sui propri profili social: “Nelle zone più critiche, soprattutto in prossimità del torrente Bagnolo, è fondamentale spostarsi ai piani alti. Sul posto sono presenti squadre della protezione civile, stiamo chiudendo via traversa per Mazzone e via Visiana. Gli abitanti delle zone interessate le stiamo raggiungendo telefonicamente anche tramite il sistema Alert System”.

Secondo le prime informazioni, sembra che l’argine fosse stato appena rifatto, ma che non si fosse ancora consolidato. Non ha quindi retto alla nuova piena del torrente che lo tirato giù, alluvionando la zona circostante.

AGGIORNAMENTO DELLE 22.30

Sono 170 le persone evacuate nella frazione di Sant’Ippolito a Prato. Lo conferma il presidente Giani: “Abbiamo evacuato 170 persone a Sant’Ippolito del Comune di Prato” – che ha aggiunto – “Ha smesso di piovere sulla zona e la situazione nell’area è sotto controllo anche perché ci sono soprattutto campi e un canale che potrebbe fare da scolo. La linea temporalesca si è spostata tra Firenze ed Arezzo ma nelle prossime ore non sono attesi cumulati nuovolosi significativi.”

AGGIORNAMENTO DELLE 23

La protezione civile del Comune di Prato sul sito istituzionale scrive: “Ci sono argini danneggiati ed esondazioni sul Bagnolo e sulla Bardena. Il Bagnolo ha tracimato nella zona di Sant’Ippolito e tracimando ha danneggiato l’argine anche se non lo ha rotto”, specifica il Comune che conferma sul sito le evacuazioni di abitanti nei punti più critici della zona ovest della città.

La protezione civile del Comune prosegue: “L’acqua uscita dalla Bardena durante il temporale si è riversata in un’area verde senza interessare abitazioni”. Le zone più fragili intorno al torrente Bagnolo sono considerati i quartieri Casale, lo stesso Sant’Ippolito e Mazzone ed è stato raccomandato di recarsi ai piani alti in via precauzionale. Chiusi alcuni sottopassi e strade in città: sono sottopasso di Pratilia, viale dell’Unione Europea, via Visiana, via Traversa per Mazzone.

AGGIORNAMENTO DELLE 0,30 DELL’11 NOVEMBRE

Ancora la protezione civile: “L’Arno non presenta nessuna criticità.

Livelli idrometrici in aumento nell’Ombrone Pistoiese, dove sono in transito i colmi di piena all’interno del primo livello di guardia.

Stella a Quarrata in diminuzione dopo aver raggiunto il primo livello. Anche Brana in diminuzione ad Agliana. Nel Calice piena transitata. Il Bisenzio rimane all’interno dei livelli di riferimento.

Alcuni allagamenti a Pescia e Montecatini a causa delle forti precipitazioni con interventi e idrovore in corso”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741