Skip to main content

Sciopero dei trasporti venerdì 17 novembre, Lega attacca: “Basta capricci di Landini”. Che replica: “Noi rispettiamo le regole”

Sciopero dei trasporti, mercoledì nero
Sciopero dei trasporti, venerdì 17 novembre: è scontro fra Governo e Cgil

Salvini s’infuria per lo sciopero generale dei trasporti, fissato dalla Cgil nella giornata di venerdì 17 novembre. Il sindacato rivendica la sua legittimità nel dichiarare la protesta. Nel mirino della Lega Landini.

“Milioni di italiani non possono essere ostaggio dei capricci di Landini che vuole organizzarsi l’ennesimo weekend lungo”, afferma il partito del ministro delle Infrastrutture e Trasporti Matteo Salvini che due giorni fa aveva minacciato di ricorrere all’arma della precettazione. Insorgono le opposizioni e ne nasce un ping pong polemico.

La segretaria del Pd, Elly Schlein, parla di “provocazioni”: “Il governo – dice – dimostra di non aver nessun rispetto per i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici oltre che delle prerogative delle forze sindacali”. Pronta è la controreplica della Lega per la quale “il diritto allo sciopero è sacrosanto, ma perfino il sindacato rosso deve rispettare le regole”.

In attesa del confronto con la Commissione di Garanzia la Filt, il sindacato dei trasporti della Cgil, difende però la legittimità della protesta: “è uno sciopero generale a cui si applicano le normative dello sciopero generale”, afferma il segretario del settore dei trasporti della confederazione, Stefano Malorgio.

Ma a scatenare le polemiche è stata soprattutto la nota della Lega, la seconda in due giorni, che dopo aver attaccato il leader sindacale sottolinea: “in vista dello sciopero annunciato per il 17 novembre è incredibile la mancanza di ragionevolezza della Cgil che, come certificato dal Garante, ignora perfino l’Abc delle mobilitazioni, così come chiarito dal Ministro Salvini. In nessun caso il settore trasporti potrà essere paralizzato per l’intera giornata”.

Landini, solo due giorni fa aveva risposto, accusando il vicepremier di “logica arrogante”: “Non sono i ministri che decidono quante ore di sciopero si programmano e se si fanno o no. Il diritto allo sciopero è garantito dalla Costituzione. Noi stiamo rispettando tutte le leggi, c’è un confronto aperto con la commissione di garanzia”.

L’appuntamento con il Garante, che ha chiesto una rimodulazione della protesta, è per domani mattina, 13 novembre 2023. Le delegazioni di Cisl e Uil, che hanno proclamato l’astensione in vista del primo dei tre appuntamenti di mobilitazione fissato per venerdì 17, varcheranno alle 10.30 il portone della Commissione.

Per la Uil ci sarà il segretario organizzativo, Emanuele Ronzoni, per la Cgil la segretaria Confederale Maria Grazia Gabrielli. E’ già chiaro che si tratterà di un confronto sul filo delle regole e che è molto probabile una ridefinizione delle ore di protesta anche se per i sindacati difendono lo sciopero.

“Lo abbiamo proclamato legittimamente ed è assolutamente consentito se si rispettano i servizi minimi e le fasce di garanzia”, afferma il numero uno della Filt Malorgio che ricorda tre stop di 24 ore proclamati da altre sigle negli ultimi mesi senza gli strali di Salvini. L’intervento a gamba tesa della Lega fa comunque salire il tono della polemica politica delle opposizioni.

Landini, Salvini, sciopero dei trasporti


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze PostScrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: