Skip to main content

Firenze: boicottaggio del sindacato SiCobas contro marchi ritenuti filo-israeliani

Volante della polizia

FIRENZE – Dopo la Cupola del Duomo, boicottaggio ad alcuni negozi ritenuti filo-israeliani. Oggi, 17 novembre 2023, azioni di protesta, con stazionamento davanti ai punti vendita, sono state messe in atto dal sindacato SiCobas, nel pomeriggio “per segnalare la connivenza con Israele di aziende come Carrefour, Mc Donald’s, Burger King, contro cui è in corso un boicottaggio”, sostiene lo stesso sindacato, “aziende che fanno profitti sui territori colonizzati, o che sostengono apertamente l’esercito israeliano nell’invasione di Gaza”.

Secondo quanto si apprende, tali iniziative di SiCobas hanno seguito quella eclatante di aver sbarrato l’esterno dell’accesso al portone del Duomo di Firenze, quello che fa accedere alla cupola del Brunelleschi, per manifestare per la Palestina.

Quando i manifestanti si sono allontanati dal Duomo, hanno imboccato via Ricasoli andando a cercare i punti vendita di alcuni marchi commerciali indicati come filo-Israele.

boicottaggio, marchi filo-israeliani, sindacato SiCobas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741