Skip to main content
Gabriello Maggiorelli con il nipote Gianni (foto dal profilo FB del sindaco di Castelfiorentino, Alessio Falorni)

Castelfiorentino: morto il partigiano Gabriello Maggiorelli

Gabriello Maggiorelli con il nipote Gianni (foto dal profilo FB del sindaco di Castelfiorentino, Alessio Falorni)

CASTELFIORENTINO (FIRENZE) – Gabriello Maggiorelli, l’ultimo partigiano di Castelfiorentino, è morto oggi, 19 dicembre 2023, all’età di 100 anni. Il 3 febbraio 1945 fu uno dei 119 volontari partiti dalla cittadina della Val d’Elsa per arruolarsi nei Gruppi di Combattimento del Corpo Italiano di Liberazione. Nato nel febbraio 1923 nella vicina Gambassi Terme, era cresciuto in una famiglia di operai, con cinque sorelle. Iniziò a lavorare in fornace e qui si avvicinò agli ambienti comunisti.

Nel 1942 fu richiamato per il servizio militare e fu inviato in Jugoslavia dove rimase 11 mesi, fino all’8 settembre 1943, giorno dell’armistizio, quando si mise in cammino nuovamente verso casa. Tra il 1943 e il 1944 fece parte dei partigiani nella brigata ‘A. Gramsci’ operante nel territorio di Coiano a Castelfiorentino. Il 3 febbraio 1945, pur vivendo in terre ormai liberate dagli Alleati, decise di partire per combattere per liberare l’Italia settentrionale, che era ancora sotto il controllo dei tedeschi. Combatté in prima linea sulla Linea Gotica arrivando fino a Bergamo.

Il sindaco di Castelfiorentino, Alessio Falorni, scrive sul proprio profilo FB: “Mi raggiunge purtroppo una brutta notizia. Ci ha lasciato “il Biondo”, al secolo Gabbriello Maggiorelli, l’ultimo partigiano ancora vivo a Castelfiorentino. Le nostre condoglianze alla famiglia, se ne va l’ultimo di quelli cui dobbiamo libertà e democrazia in Castelfiorentino.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741