Skip to main content

Stadio, Nardella dopo la contestazione: “La Fiorentina sapeva tutto. Io pronto a chiarire con i tifosi”

Dario Nardella

FIRENZE – Cori, fischi ed epiteti partiti contro di lui dalla curva Fiesole del Franchi, hanno amaregfgiato il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che stamani, 15 gennaio 2024, a margine di un evento ha voluto puntualizzare alcune cose: “Che si dovessero fare i lavori al Franchi lo si sa da più di due anni, abbiamo fatto un concorso internazionale”, c’è “un progetto che ha vinto e abbiamo portato a casa ben 200 milioni. Purtroppo di questi, 50 milioni sono stati persi dal Governo per i motivi noti”, però “ci sono 150 milioni assegnati che abbiamo il dovere di utilizzare. Dal 2022 tutti lo sapevano e ne abbiamo sempre parlato, lo sapeva la Fiorentina”.

E ancora: “la Fiorentina, nel 2022, ci ha chiesto di rimanere a giocare al Franchi per la stagione 2023-2024 e invece di giocare fuori dal Franchi per le stagioni 2024-2025 e 2025-2026”, poi “sono cambiate le preferenze, a quel punto ci siamo organizzati ancora una volta per supportare la società” e “abbiamo individuato il Padovani come una delle migliori soluzioni, soprattutto ispirandoci ai casi di Bologna e Cagliari. Questi sono i fatti. Per il Padovani abbiamo investito 10 milioni. Certo se lo avessimo già saputo nel 2022 ci saremmo mossi prima”.

Nardella ha poi precisato che i lavori al Padovani cominceranno “fra qualche settimana”. Riguardo poi alla possibilità che la Fiorentina giochi allo stadio di Empoli durante i lavori, il sindaco si è detto dispiaciuto “di come si è chiusa la vicenda però noi continuiamo a lavorare a molte altre soluzioni”.

Nardella ha detto che “150 milioni di soldi pubblici dei cittadini non li butto via, ho il compito di portare in fondo il progetto dello stadio, e sento il dovere di supportare la Fiorentina in tutte quelle che sono le esigenze ma dicendo le cose come stanno, con grande chiarezza, perché altrimenti si fa confusione e giustamente i cittadini non capiscono ed io credo che se i tifosi contestano è perché vogliono sapere le cose con chiarezza, ed io sono pronto a dirle fino in fondo”.


Paulo Soares

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741