Skip to main content

Firenze: all’Accademia di Belle Arti la mostra «Backdoorstudio» sposa la pittura al rock

Alcuni dei giovani espositori

FIRENZE – Martedì 13 febbraio alle 14.30, nella sede storica dell’Accademia di Belle Arti (via Ricasoli, Firenze), si inauguraBackdoorstudio, un percorso espositivo a cura della Scuola di Pittura della docente Milena Zunino, che, prima di ricoprire la cattedra all’Accademia, ha coltivato la sua anima rock lavorando come redattrice a TMC2 e prima ancora in un vero tempio dell’hard rock negli anni Novanta, il Backdoors, dove organizzava eventi live e danze rock & metal con in consolle Alias dj, per l’occasione colonna sonora della mostra.

Il vernissage aperto al pubblico a ingresso libero di martedì 13 riguarda due mostre: una personale dedicata ad Alessandra Mazzari e una collettiva intitolataTre Elementi, con opere degli studenti del secondo e terzo anno. Il percorso si snoda attraversotre diverse aree, iniziando dalla scalinata che dal giardino interno dell’Accademia conduce ai laboratori di pittura delle aule 18 e 19, per concludersi in aula R4.

La collettivaTre Elementi, esposta lungo la salita che porta all’aula 20 di pittura, è un progetto che nasce dalla volontà di incoraggiare la crescita professionale degli studenti, stimolandoli a esplorare la creatività attraverso vincoli positivi. In questa occasione infatti, sono statiestratti a sorte tre elementi tra i 96 propostida tutti gli studenti, diventando parole chiave per le opere. Per il secondo anno, gli elementi sonomutande,saponettaepuntaspilli, mentre per il terzo sonoletto,mattoneeorologio. Ogni studente ha tradotto queste linee guida in trittici dalle dimensioni 50×50 cm. Al termine della scalinata, nei laboratori (aule 18 e 19),opere di più grandi dimensionisono presentate sui pannelli dove sono state create, rappresentando creazipni personali nate, senza limitazioni, dall’intuizione dei giovani artisti. A questo punto del percorso espositivo, lo spettatore sarà in grado di riconoscere il tratto distintivo di ogni studente paragonando i trittici alla produzione in grandi dimensioni.

Nell’aula R4,la personale di Alessandra Mazzarioffre uno sguardo approfondito sulla produzione artistica del giovane talento, esponendo una selezione di lavori estratti dalla prolifica produzione dell’artista.

BACKDOORSTUDIO, esposto in diversi spazi dell’Accademia di Belle Arti, non solo offre ai giovani artisti l’opportunità di presentare il proprio lavoro, ma anche di connettersi con un pubblico più ampio durante ilvernissage, che avrà luogo il13 febbraio alle ore 14:30, con la possibilità di visitare le mostre anche il 14 febbraio.La partecipazione è aperta a tutti. Per la visita del 14 febbraio, è necessario inviare un’email di prenotazione am.zunino@accademia.firenze.it.

Gli allievi del secondo anno sono Ginevra Barchielli, Francesco Benigni, Felipe Bonetti, Emma Conti, Giuseppe Felici, Melissa Liceti, Alessandra Mazzari, Davide Montixi, Giulia Pambianchi, Alessandro Trisciani, Federico Vassallo, Kaining Zheng. Quelli del terzo anno invece Luigi Accardo, Federica Brigiolini, Lorenzo Caneve, Antonella Caprera, Zyand Chen, Elisa De Zarlo, Lorenzo Frizzi, Ashley Gariboldi, Xiao Lin, Eleonora Mannelli, Amira Mhdawi, Laura Natali, Sofia Prioreschi, Giulia Sica, Ming Yan Shi, Matteo Tornesello, Yasmine Kachni, Shiyu Wang, Yifan Wu, Jingyi Zhang.

accademia di belle arti, arte contemporanea, Backdoors, Firenze, musica rock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741