Skip to main content

Mattarella a Piantedosi: “Mai manganelli sui ragazzi”. Capo della polizia: “Verifiche sugli agenti”

Mattarella e Piantedosi (Foto Quirinale)

ROMA – E’ intervenuto con decisione, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, scosso dalle immagini dei ragazzini colpiti dagli agenti a Pisa e a Firenze. Con mossa irrituale, il Capo dello Stato ha chiamato il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, per fargli presente, “trovandone condivisione”, che “l’autorevolezza delle Forze dell’ordine non si misura sui manganelli ma sulla capacità di assicurare sicurezza tutelando, al contempo, la libertà di manifestare pubblicamente opinioni. Con i ragazzi i manganelli esprimono un fallimento” è la chiusura della nota del capo dello Stato, una presa di posizione netta, in linea con l’opposizione che si è scagliata contro la gestione ‘muscolare’ delle manifestazioni mettendo sotto accusa il governo di centrodestra.

Vittorio Pisani, Capo della polizia, ha annunciato verifiche sul comportamento degli agenti. Ammettendo: “Purtroppo ieri a Firenze e a Pisa i nostri operatori hanno posto in essere delle iniziative che dovranno essere analizzate singolarmente e verificate con severita’ e trasparenza. Quando le manifestazioni non sono pre-avvisate o non vengono condivise con la Questura le modalita’ e i percorsi – ha sottolineato Pisani – possono verificarsi dei momenti di criticità, però questi momenti non possono essere una giustificazione con questi casi”.

La maggioranza non ci sta e respinge gli addebiti: “Le forze dell’ordine non si toccano”, dice il ministro degli Esteri, Antonio Tajani. “La sinistra spalleggia i violenti”, fa eco FdI. Lunedì, intanto, il ministro vedrà i leader sindacali, che hanno chiesto un incontro per salvaguardare il diritto a manifestare “che deve essere garantito a tutti”, ha sottolineato il segretario della Cgil, Maurizio Landini.

VIMINALE – Dal Viminale fanno notare che le parole di Mattarella sono state condivise dal ministro. Mercoledì scorso al question time alla Camera lui stesso aveva respinto “ogni suggestione che vi sia un disegno del Governo per reprimere il dissenso politico e che questo disegno sia eseguito dalle forze di polizia”. Assicurando che non ci sono state “indicazioni volte a cambiare le regole operative di gestione dell’ordine pubblico, da sempre improntate a cautela, equilibrio e professionalità, a prescindere dal colore politico del governo in carica”. 

CAPO DELLA POLIZIA – Ma, con il capo della Polizia, Vittorio Pisani, sono in corso riflessioni e verifiche su ciò che è andato storto nella gestione di alcune manifestazioni. Perchè quando schiacciati a terra o sotto i manganelli finiscono non i cosiddetti “professionisti del disordine”, ma studenti e studentesse minorenni, inermi, o madri che espongono bandiere – è successo sotto la sede Rai di Napoli nei giorni scorsi – qualcosa non ha funzionato. A livello preventivo ed anche poi operativo, con più di un agente che si è lasciato scappare il manganello.

QUESTORE – In casi analoghi capita che, calmate le acque, si sostituisce il questore. C’è tuttavia la possibilità di nuove direttive per scongiurare i ripetersi di situazioni analoghe, visto che le manifestazioni continueranno in tutta Italia e prevedibilmente con maggior frequenza. La lettura dell’opposizione è netta: è l’esecutivo Meloni che in nome del ‘law and order’ ha dato mandato a gestire senza troppi riguardi le manifestazioni.

SCHLEIN – E le parole di Mattarella hanno rafforzato il convincimento. Il capo dello Stato, spiega la segretaria dem Elly Schlein, “ha già detto tutto quello che c’era da dire. Quello che colpisce è il silenzio del governo e di Piantedosi. Meloni si esprima su quello che è successo ieri, con studenti minori bloccati a terra, e si esprima sulla gestione dell’ordine pubblico e su un clima di repressione che ha superato il limite”.

RENZI – ll leader del M5s Giuseppe Conte si rivolge direttamente alla premier Meloni: “il governo reprime il dissenso con i manganelli e tu sei rimasta silente senza proferire parola, ignorando le violente manganellate che ieri hanno provato a silenziare i giovani scesi pacificamente per le strade di Pisa e Firenze””. Matteo Renzi (Iv), invita il governo “a darsi una regolata sulle questioni di ordine pubblico”. Ora, afferma il segretario di SI, Nicola Fratoiani, “Piantedosi chieda scusa a quei ragazzi e a quelle ragazze”. Esprime preoccupazione, poi, la Conferenza dei rettori: “il diritto a manifestare rappresenta una delle più importanti conquiste della storia della democrazia occidentale e come tale va garantito e preservato”.

TAJANI – La maggioranza tira però dritto e ribalta le accuse. FdI “difende le regole democratiche di convivenza che si basano sul diritto di manifestare e il dovere di farlo pacificamente e nel rispetto della legge. La sinistra che spalleggia i violenti è la causa dei disordini ai quali abbiamo assistito”. Per Tajani “se ci sono responsabilità per quello che è accaduto ieri il ministro valuterà e prenderà provvedimenti, ma le Forze dell’ordine non si toccano. Sono persone che difendono lo Stato con stipendi bassi, non sono figli di radical chic”.

LEGA – Anche il sottosegretario all’Interno leghista Nicola Molteni difende gli agenti, osservando che “chi scende in piazza pacificamente, senza insultare e senza pretendere di disobbedire a indicazioni di buonsenso, non ha nulla da temere”. 

Firenze, manganellate, Mattarella, Piantedosi, pisa


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741