Skip to main content

Zelensky: “Giorgia Meloni è con noi ma in Italia ci sono troppi pro Putin”

Volodomyr Zelensky

KIEV – “Giorgia Meloni – ha detto Volodymyr Zelenski in conferenza stampa – è dalla nostra parte, e sono molto grato alla vostra premier e sono felice dell’accordo che abbiamo siglato ieri con l’Unione Europea, ma ci sono molti pro-Putin in Italia, e prima di tutti dovreste cancellare loro i visti. Anche questa è un’arma”.

E ancora, rivolgendosi all’Occidente: “Vedete cosa succede quando i russi si trovano in un Paese, vedete la guerra in Ucraina, per questo credo che dovreste mandarli via. La vittoria dell’Ucraina dipende da voi”.

Zelensky afferma che l’Ucraina “non ha alternative” alla vittoria della guerra e alla domanda se sia giunto il momento di negoziare con Vladimir Putin data la carenza di munizioni in Ucraina, risponde: “Si può parlare con un sordo? Si può parlare con un uomo che uccide i suoi oppositori?”.

“Proporremo una piattaforma in cui (Putin) possa accettare di aver perso questa guerra e che è stato un enorme errore e una tragedia per noi e per il mondo democratico”, aggiunge. L’Ucraina non può accettare di perdere la guerra, dice.

“Che cosa significherebbe se l’Ucraina perdesse? L’Ucraina non esisterebbe. Putin non ha un cellulare, come mi chiamerà?” Dice così Zelensky a chi gli chiede se risponderebbe nel caso Putin chiamasse, dopo che precedentemente aveva affermato che non negozierà con il presidente russo.

“Non uso un telegrafo del 1917. Non mi chiamerà, non vuole porre fine a questa guerra. Questo è un dato di fatto oggi”. Il presidente ucraino ha affermato che sono 31mila gli ucraini uccisi in guerra ad oggi. Ha spiegato di non voler fornire cifre sui feriti affermando che in tal caso “la Russia capirebbe quante persone hanno lasciato il campo di battaglia”.

Quindi ha aggiunto che sono 180mila i russi morti nel conflitto. “Trentunomila soldati ucraini sono morti in questa guerra. Non 300.000, non 150.000, come dicono Putin e la sua cerchia. Ma ognuna di queste perdite è una grande perdita per noi”.

Nella conferenza stampa in occasione del secondo anniversario della invasione russa su vasta scala in Ucraina, rispondendo ad una domanda sul sostegno a Kiev, Zelensky ha sottolineato che il Paese non può perdere “l’iniziativa diplomatica” e spera che in primavera si tenga in Svizzera un vertice di pace, in vista del quale si prepari con partner dell’Ucraina di un piano di pace che poi verrà consegnato alla Russia.

“Non voglio parlarne in dettaglio”, ma “lavoriamo da lungo tempo sulle armi a lungo raggio e per dare una risposta generica, ho uno stato d’animo positivo dalle recenti risposte dei nostre partner riguardo a queste armi”, ha detto Zelensky.

La metà delle armi promesse dall’Occidente all’Ucraina vengono consegnate in ritardo. Lo ha detto il ministro della Difesa ucraino, Rustem Umerov. “Attualmente, un impegno non è sinonimo di consegna, il 50% degli impegni non vengono forniti nei tempi previsti”, ha detto in un forum sul secondo anniversario dell’invasione russa.

L’Ucraina si aspetta di ricevere fino a 12 miliardi di dollari di aiuti finanziari dagli Stati Uniti quest’anno. Lo ha dichiarato il premier ucraino, Denys Shmyhal, come riferisce Rbc Ukraine. “Ci aspettiamo 11,8 miliardi di dollari di aiuti dagli Usa per il 2024. Questo è quanto abbiamo concordato. Ci aspettiamo una decisione da parte del Congresso dopo due settimane di pausa dei lavori”, ha dichiarato il primo ministro. 

Il capo della direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa, Kirilo Budanov, ha affermato che l’oppositore russo Alexei Navalny è morto per cause naturali, a causa di un coagulo di sangue. “Potrei deludervi, ma quello che sappiamo è che è morto davvero per un coagulo di sangue. E questo è più o meno confermato. Questo non è stato preso da internet, ma, sfortunatamente” si tratta di morte naturale, ha detto Budanov citato da Ukrainska Pravda.

“Nella notte, l’esercito russo ha tentato, con l’aiuto dell’aviazione tattica del Mar Nero, di distruggere la nostra difesa antiaerea utilizzando missili Kh-31P, che sono stati abbattuti sul mare. Poi sono seguite ondate di droni inizialmente in direzione della regione meridionale di Mykolaiv, poi sulle regioni centrali e occidentali”. Lo ha riferito il capo del centro stampa delle forze meridionali dell’esercito ucraino, colonnello Nataliya Humenyuk, citata dai media. La contraerea ucraina è entrata in azione nelle regioni di Poltava, Kiev, Khmelnytsky, Mykolaiv, Khmelnytsky, Dnipro, Zaporizhzhia e Kherson.

La contraerea ucraina ha distrutto 16 dei 18 droni Shahed lanciati dall’esercito russo, riferisce l’aeronautica militare di Kiev, citata da Ukrainska Pravda. I droni sono stati lanciati da Primorsko-Akhtarsk nella Federazione Russa e da Capo Chauda in Crimea.

Italia, Meloni, Occidente, putin, Zelensky

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741