Skip to main content

Denis Verdini: revocati arresti domiciliari. Torna in carcere

Denis Verdini

FIRENZE – Il Tribunale di sorveglianza di Firenze ha revocato la detenzione domiciliare a Denis Verdini. All’ex senatore di Ala era stato contestato di aver violato le prescrizioni del tribunale di sorveglianza partecipando a tre cene in ristoranti della capitale, mentre scontava nella villa di Pian dei Giullari la condanna definitiva a 6 anni per il crac del Credito Cooperativo Fiorentino. 

Verdini era autorizzato ad andare dal dentista a Roma. Tra ottobre 2021 e gennaio 2022 sarebbe però andato al ristorante con il figlio Tommaso e altre persone secondo quanto avrebbe accertato la Guardia di Finanza che stava indagando, coordinata dalla procura di Roma, sulle commesse in Anas.

Dopo l’arresto di Tommaso Verdini, nel dicembre scorso, il Tribunale di sorveglianza aveva aperto un procedimento e il 22 febbraio si è celebrata l’udienza. La procura generale aveva chiesto la revoca dei domiciliari per l’ex senatore. In aula Verdini, assistito dall’avvocato Marco Rocchi, si è difeso spiegando che riteneva di poter partecipare alle cene, essendo stato autorizzato ad andare dal dentista a Roma e a fermarmi a casa di mio figlio.

Denis Verdini è stato trasferito nel carcere di Sollicciano a Firenze dopo la revoca della sua detenzione domiciliare, decisa dal tribunale di sorveglianza di Firenze.

arresti domiciliari, carcere, denis verdini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741